Condividi

SACE: da Nord a Sud, il Made in Italy guarda lontano

Il principale gruppo assicurativo-finanziario italiano ha annunciato la stipula di due accordi con Banca Popolare di Puglia e Basilicata e Confindustria Emilia-Romagna per sostenere l’internazionalizzazione delle PMI locali.

SACE: da Nord a Sud, il Made in Italy guarda lontano

Banca Popolare di Puglia e Basilicata e il gruppo SACE hanno annunciato lo scorso 6 febbraio la finalizzazione di un importante accordo di collaborazione per sostenere in maniera sempre più efficace le esigenze di internazionalizzazione delle PMI clienti dell’istituto di credito. Con l’accordo le imprese clienti di BPPB potranno infatti accedere ai servizi assicurativo-finanziari sviluppati dal gruppo SACE a condizioni vantaggiose: assicurazione delle vendite dal rischio di mancato pagamento, protezione degli investimenti esteri dai rischi politici, garanzie fideiussorie per gare e commesse, servizi di recupero del credito, assistenza e formazione in materia di internazionalizzazione e anticipazione dei crediti vantati verso controparti sia pubbliche che private, grazie a un’ampia gamma di servizi di factoring, oggi particolarmente richiesti per regolarizzare i flussi di cassa. Nell’attuale congiuntura, le imprese che hanno saputo guardare lontano sono riuscite a reagire e crescere. Per intraprendere un percorso di internazionalizzazione che oggi appare ormai non più rimandabile, quest’accordo offre un’importante opportunità in più per le PMI locali, che possono trovare in SACE un punto di riferimento unico per identificare le migliori soluzioni assicurativo-finanziarie messe a disposizione per la crescita del Made in Italy.

La BPPB conta 137 sportelli, circa 1.200 dipendenti, circa 270.000 clienti, oltre 30.000 soci distribuiti su tutto il territorio nazionale, con una forte presenza in Puglia e Basilicata, da sempre guidata da un senso di responsabilità sociale, per creare un valore economico che è basato su un rapporto costante con imprese e famiglie. Nella finalizzazione di quest’accordo, ha giocato un ruolo fondamentale la rete agenziale di SACE BT, la società del gruppo specializzata in assicurazione del credito a breve termine, cauzioni e protezione dei rischi della costruzione.

Allo stesso tempo, Confindustria Emilia-Romagna e SACE hanno firmato tre giorni dopo un accordo di collaborazione destinato a rafforzare la competitività internazionale e l’export delle imprese della regione nei mercati a maggior potenziale di domanda per i prodotti emiliano-romagnoli. L’accordo, in sintonia con gli obiettivi di politica economica che mirano a portare l’incidenza dell’export sul PIL al 50%, getta le basi di un percorso di accompagnamento delle imprese emiliano-romagnole verso una maggiore internazionalizzazione, attraverso incontri, seminari, consulenza mirata a supporto delle strategie di penetrazione di nuovi mercati, iniziative dedicate ai settori più rappresentativi del tessuto imprenditoriale regionale nell’ambito di EXPO 2015, e ad alcuni mercati interessanti per l’export emiliano-romagnolo (in particolare l’Indonesia) promossi dal sistema Confindustria Emilia-Romagna nel biennio 2015-2016.

L’accordo con SACE rafforza l’impegno promosso dal sistema regionale Confindustria in collaborazione con la Regione Emilia-Romagna per affiancare le imprese sui mercati esteri. Si tratta in effetti della prima regione in Italia per export pro-capite, la seconda (insieme al Veneto e dopo la Lombardia), per valore assoluto, la terza per investimenti produttivi all’estero. Le imprese esportatrici sono oltre 26 mila e sono cresciute del 20% negli ultimi due anni. La logica dell’accordo diventa allora quella di far crescere l’export delle imprese attraverso strumenti sempre più flessibili e innovativi: con la partnership con Confindustria Emilia-Romagna SACE intende offrire alle imprese i tool necessari a valutare a pieno la coerenza dell’approccio commerciale ai singoli mercati e i diversi profili di rischio e a scegliere quelle strutture finanziarie-assicurative efficaci.

Grazie all’accordo le imprese associate a Confindustria potranno accedere in modo vantaggioso all’offerta dei servizi sviluppati dal gruppo SACE per rispondere alle diverse esigenze per competere dentro e fuori dall’Italia: accesso a finanziamenti per l’internazionalizzazione, anche aggiuntive al sistema bancario (Fondo Sviluppo Export); assicurazione delle vendite dal rischio di mancato pagamento; protezione degli investimenti esteri dai rischi politici; anticipazione dei crediti vantati con le controparti, italiane o estere; servizi di recupero del credito e di advisory.

Commenta