Made in Italy: l’export rallenta nei primi 8 mesi

Solo il comparto farmaceutico riesce a crescere in quasi tutte le principali destinazioni – In Sudamerica il Brasile torna a essere la prima destinazione per il Made in Italy, ma rimangono dubbi su un contesto economico e politico ancora complicato
Argentina, restrizioni valutarie contro la fuga di capitali

Nonostante la linea di credito del FMI da 57 miliardi, continua la fuga di capitali dall'Argentina, con deprezzamento del 50% della valuta, drenaggio delle riserve ufficiali (-20%) e aumento dell’inflazione (+50%). L’austerità, accompagnata a elevati tassi di interesse a oltre…
Dazi: per l’export made in Italy danno da 360 milioni

L’Italia viene colpita nel settore agroalimentare con dazi ad valorem del 25% su una categoria piuttosto ristretta di prodotti (lo 0,8% esportato negli Usa): i più interessati sono i prodotti caseari, per un valore di 260 milioni, seguiti da superalcolici…
Made in Italy: l’export corre ancora, +5,8% ad aprile

SACE prevede un rafforzamento dell’export, unico contributo positivo alla crescita economica italiana, che dal 2020 si avvicinerà a quota 500 miliardi di euro, con le imprese che potranno approfittare dell’aumento dell’urbanizzazione: 6,7 miliardi di persone vivranno nei centri urbani entro…