Condividi

LE 5 TOP NEWS DEL GIORNO

La riscossa di Piazza Affari, in controtendenza con le difficoltà degli altri listini, ma anche Padoan, good banks, Mediaset e Brexit: le cinque notizie più importanti del giorno selezionate da FIRSTonline, con il video dell’Ansa.

LE 5 TOP NEWS DEL GIORNO

1- Piazza Affari rimbalza sulla scia di banche e assicurazioni

Exploit delle banche popolari, di Unicredit e Generali ma Mps cade di nuovo – In ribasso anche le utilities – Milano miglior piazza azionaria d’Europa – Il petrolio torna a salire e balla attorno ai 50 dollari a barile. Leggi l’articolo di Maria Teresa Scorzoni.

2- Padoan: “Non diamo numeri di fantasia, la manovra aiuterà la crescita”

Il ministro assicura che la legge di Stabilità darà sostegno “agli investimenti privati, ma anche a quelli pubblici, che aumenteranno” – “Il successo del Btp a 50 anni è un segnale di fiducia nell’Italia” – “I problemi delle banche vengono distorti e mal percepiti” – “Il tema più importante è la produttività”. Leggi l’articolo di Carlo Musilli.

3- Good banks: braccio di ferro con la Bce

Ubi resta in pista per l’acquisto di Banca Etruria, Banca delle Marche e Carichieti ma la Vigilanza Bce sta complicando la partita con condizioni insostenibili – Se l’accordo saltasse, costerebbe 1,5 miliardi alle maggiori banche – Rossi (Banca d’Italia): “E’ una partita complessa” – Atlante potrebbe rilevare gli Npl delle 4 Good Banks. Leggi l’articolo.

4- Mediaset ci riprova con Sky: si riaprono le trattative per Premium

Resuscita la trattativa sfumata due anni fa – I primi contatti sarebbero iniziati subito dopo il dietrofront di Vivendi di luglio – La prossima settimana le trattative tra le strutture tecniche dei due colossi. Leggi l’articolo.

5- Brexit shock: proposte liste di stranieri per le aziende

Una proposta shock del ministro degli Interni Amber Rudd indigna il Regno Unito e l’Unione Europea – Per evitare il sovraffollamento di studenti e lavoratori stranieri si dovrebbero creare delle liste di proscrizione che “svergognino” le aziende. Leggi l’articolo.

Commenta