Condividi

Ecomondo: Acea presenta il sampietrino ecologico

Alla fiera dell’economia circolare di Rimini la Saxa Gres ha presentato con Acea il suo lavoro, esempio di economia circolare. È nato anche Aires, accordo per la promozione della ricerca, innovazione e sviluppo della sostenibilità ambientale.

Ecomondo: Acea presenta il sampietrino ecologico

Ecomondo è la fiera dell’economia circolare di Rimini. E’ lì che Acea e Saxa Gres hanno scritto una pagina di economia circolare: l’azienda specializzata nella produzione di ceramiche e l’utility romana hanno infatti presentato in collaborazione il primo sampietrino ecocompatibile, ottenuto riutilizzando le ceneri prodotte dalla termovalorizzazione dei rifiuti provenienti delle ceramiche prodotte dalla struttura di San Vittore, Frosinone, dove ha sede Saxa Gres.

Del suo piano per la creazione di una serie di sampietrini ecologici, Saxa Gres aveva fatto una missione per rilanciare l’attività, rilevarla fabbrica in dismissione di Marazzi Sud e reinventarla in chiave sostenibile e con sbocco internazionale, realizzando un perfetto esempio di economia circolare. Il materiale prodotto dall’azienda è il grestone, una nuova pietra più economica e performante composta da un mix di gres porcellanato che include fino al 30% di materiali provenienti da rifiuti urbani e che nelle grafiche, nelle forme e dei colori è in grado di riprodurre pietre naturali, tra cui i sampietrini comunemente noti, ma dieci volte più resistenti e tre volte più leggeri.



“L’iniziativa di Saxa Gres ha dato vita a una nuova filiera produttiva che, oltre a garantire sicurezza e rispetto dell’ambiente, consente di abbassare i costi del trasporto e di ridurre fino al 50% il prezzo finale del sampietrino”, ha commentato Giovanni Vivarelli, presidente di Acea Ambiente. Nel periodo 2019-2022 è previsto che l’utility romana investirà 1,7 miliardi in sostenibilità.

Durante la fiera, Estra, Sei Toscana, Acea Ambiente e altre undici tra imprese ed enti pubblici hanno sottoscritto un accordo, chiamato Aires – Ambiente Innovazione Ricerca Energia Sviluppo – per la promozione della ricerca, innovazione e sviluppo nel campo dell’economia circolare e della sostenibilità ambientale.

Il contratto di rete ha durata quinquennale e prevede la realizzazione di attività volte al miglioramento di performance tecniche ed economiche in materia di economia circolare, il rafforzamento della capacità innovativa e produttiva a costi inferiori grazie al sistema delle economie di scala, e la  formazione professionale in materia.

Commenta