Condividi

Cumulo pensioni gratuito, accordo Inps-Casse sui pagamenti

L’ente di previdenza pubblico ha raggiunto l’accordo con Inarcassa e Enpam che sblocca l’impasse. Primi pagamenti entro il 20 aprile. Ora anche le altre casse rappresentate da Adepp potranno aderire

Cumulo pensioni gratuito, accordo Inps-Casse sui pagamenti

Cumulo pensioni, si sblocca il braccio di ferro tra Inps e Casse professionali. Una prima intesa è stata raggiunta tra l’ente pubblico di previdenza, l’Inarcassa e l’Enpam. L’inps ha comunicato di aver raggiunto l’accordo su un nuovo testo di convenzione, che è stato già sottoscritto dai tre enti. Anche l’Adepp – l’associazione cui aderiscono le casse di previdenza dei professionisti – ha votato favorevolmente all’intesa che ora si potrà estendere a cascata agli altri enti interessati.

“In linea col testo proposto la scorsa settimana alle Casse dall’Inps – precisa il comunicato – gli oneri sostenuti per le procedure amministrativo-contabili necessarie per l’erogazione delle prestazioni saranno divisi in base alla quota di pensione erogata da ciascun ente. In particolare, il testo rimette a una commissione di esperti, designati pariteticamente dalle parti ed integrati con un componente indicato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ed uno indicato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, la determinazione dell’importo da ripartire, fermo restando l’immediato rimborso analitico delle commissioni bancarie sostenute. L’Inps si attende che nelle prossime ore possano pervenire le sottoscrizioni anche da parte delle altre Casse Professionali”.



Il nuovo testo di convenzione consente da subito di sbloccare le lavorazioni delle domande già pervenute per procedere ai pagamenti delle pensioni in cumulo, mentre le parti potranno risolvere il problema della spartizione degli oneri amministrativi in un secondo momento, senza che ciò abbia ulteriori ripercussioni sui professionisti coinvolti. Le prime liquidazioni sono previste entro Pasqua e i relativi pagamenti a partire dal 20 aprile.

L’intesa raggiunta riguarda il costo di gestione delle pratiche, stimato dall’Inps in 65 euro. Il cumulo gratuito dei trattamenti previdenziali è stato disposto dalla Legge di Bilancio 2017 (articolo 1, comma 195, legge 232 dell’11 dicembre 2016) ed è appunto in attesa di concreta attuazione. Nei giorni scorsi si è arrivati allo scontro sul nodo della ripartizione dei costi fra gli enti interessati. ma ora, dopo la bufera, tornsa il sereno.

“Quella di pagare immediatamente le pensioni è una scelta saggia che sostenevamo da tempo – dice il presidente dell’Adepp Alberto Oliveti –. Prima si soddisfano le legittime esigenze degli aventi diritto e poi, valutando insieme l’andamento delle pratiche, si determina cosa spetta, e a chi, nel rispetto delle leggi vigenti, relativamente agli oneri di gestione”.

Clicca qui per conoscere l’elenco degli enti professionali interessati all’accordo.

Commenta