Condividi

Ocse: in calo superindice economico Eurozona, la Germania fa peggio di Italia e Francia

Nell’area euro l’indice scende ancora a 100,7 (101 ad aprile e maggio, 100,9 a giugno e 100,8 a luglio) – Negli Stati Uniti è fermo al 100,5, mentre nel Regno Unito scende da 100,8 a 100,7 e in Giappone da 99,8 a 99,6 – In Germania il calo è più vistoso, da 100,1 a 99,7, mentre in Italia si ferma a 101,3, così come in Francia (100,3).

Ocse: in calo superindice economico Eurozona, la Germania fa peggio di Italia e Francia

Stabile l’economia dell’area Ocse, nonostante l’ennesimo indebolimento dell’Eurozona e in particolare del dato tedesco, che fa peggio di quello italiano. A rivelarlo è il superindice economico dell’area Ocse che è rimasto stabile ad agosto a 100,4, lo stesso livello di luglio (rivisto) e sostanzialmente quello dei tre mesi precedenti (100,5).

Lo rende noto la stessa Ocse, segnalando anche un indebolimento dell’economia nell’area euro dove l’indice scende ancora a 100,7 (101 ad aprile e maggio, 100,9 a giugno e 100,8 a luglio). Negli Stati Uniti è fermo al 100,5, mentre nel Regno Unito scende da 100,8 a 100,7 e in Giappone da 99,8 a 99,6. In Germania il calo è appunto più vistoso, da 100,1 a 99,7, mentre in Italia si ferma a 101,3, così come in Francia (100,3).



Il superindice Ocse segnala invece in crescita l’economia del Canada con un rialzo a 100,2 ad agosto da 100,1. Migliora pure il Brasile che continua la sua ascesa dal 99 di luglio a 99,2 ad agosto. Stabile la Russia a 100,4, dopo essere salita a giugno rispetto ai mesi precedenti. In generale, spiega l’Ocse, il quadro globale è contrastato, con l’economia europea in rallentamento e una sostanziale stabilità nelle altre principali economia. L’India è l’unica economia con prospettive positive per la crescita.

Commenta