Condividi

Istat, italiani: 7 milioni in meno nel 2065

Secondo le previsioni demografiche dell’Istat, in futuro le nascite non saranno sufficienti a compensare i decessi – Ma la vita media crescerà fino a 86,1 anni per gli uomini e fino a 90,2 anni per le donne. Fondamentali gli immigrati.

Istat, italiani: 7 milioni in meno nel 2065

Molti di meno ma molto più longevi. Saranno così gli italiani del futuro secondo le ultime previsioni demografiche pubblicate dall’Istat. Nel dettaglio, l’Istituto di statistica calcola che nel 2045 la popolazione residente in Italia sarà pari a 58,6 milioni di persone e nel 2065 a 53,7 milioni. In altri termini, fra 49 anni saremo 7 milioni in meno rispetto al 2016 (60,7 milioni).

Insomma, in futuro le nascite non saranno sufficienti a compensare i decessi. Nello scenario mediano, dopo pochi anni di previsione il saldo naturale raggiunge quota -200mila, per poi passare la soglia -300 e -400mila unità in meno nel medio e lungo termine.



Sempre entro il 2065, però, la vita media crescerà fino a 86,1 anni per gli uomini e fino a 90,2 anni per le donne, un incremento significativo rispetto ai dati del 2015 (rispettivamente 80,1 e 84,6). L’età media della popolazione arriverà a oltre 50 anni del 2065, mentre oggi è a 44,7.

Parte del processo di invecchiamento in divenire è spiegato dal fatto che le generazioni del baby boom (quelle nate fra il 1961 e il 75) entreranno nella tarda età attiva (40-64 anni) e nell’età senile (65 e più). Il picco di invecchiamento colpirà l’Italia nel 2045-50, quando si riscontrerà una quota di ultrasessantacinquenni vicina al 34%.

Nella stima della popolazione residente attesa per l’Italia un contributo determinante è esercitato dalle migrazioni, il cui saldo è previsto positivo, essendo mediamente superiore alle 150mila unità annue (133mila l’ultimo rilevato nel 2015). Nello scenario mediano tracciato dall’Istat l’effetto addizionale del saldo migratorio sulla dinamica di nascite e decessi comporta 2,5 milioni di residenti aggiuntivi nel corso dell’intero periodo previsivo.

Commenta