Condividi

Vodafone e Deloitte fanno rotta sulla sanità digitale

La nuova alleanza mira ad accelerare l’adozione di soluzioni per la sanità digitale attraverso il lancio del “Vodafone Centre for Health” con Deloitte. Al fine di semplificare l’accesso alla sanità digitale e alle soluzioni, sia per i pazienti sia per il personale sanitario

Vodafone e Deloitte fanno rotta sulla sanità digitale

Una sanità connessa e digitale. È l’obiettivo dell’accordo tra Vodafone e Deloitte per dare vita al progetto “Vodafone Centre for Health”, una partnership dedicata a sviluppare prodotti e soluzioni innovative in ambito sanitario, per migliorare l’accesso alla sanità e la qualità delle cure. Il progetto coinvolgerà diverse realtà locali in Europa con prospettive future di ulteriore espansione. 

Il “Vodafone Centre for Health“, è stato pensato come un centro virtuale di ultima generazione. Unirà le migliori soluzioni di connettività offerte da Vodafone con l’esperienza di consulenza strategica e d’innovazione di Deloitte nel settore della sanità. Questo binomio consentirà di migliorare l’erogazione dei servizi sanitari, dando vita a un modello di fruizione più efficiente e capillare su domini di applicazione come telemedicina, monitoraggio dei pazienti da remoto e connessione nei campus ospedalieri.



Secondo il recente sondaggio del Vodafone Institute, il 92% dei cittadini europei intervistati pensa che il settore sanitario necessita di un grande sostegno attraverso il Piano di Ripresa e Resilienza (PNRR). In questo senso, il “Vodafone Centre for Health con Deloitte” può dare un concreto sostegno alla sanità negli ospedali, ma anche alla società e ai cittadini.

Aldo Bisio, Ceo di Vodafone Italia, ha sottolineato come la “remotizzazione dei servizi sanitari riesce a riportare a casa le persone, a curarle e a farlo con maggiore continuità. Partendo dalla tecnologia, accorciamo le distanze per arrivare ad elementi di umanizzazione, a un maggior livello di equità sociale”. 

“La pandemia ha ampliato le disuguaglianze all’interno della nostra società e la fornitura di assistenza sanitaria non è così accessibile o inclusiva come dovrebbe essere – ha affermato Fabio Pompei, Amministratore Delegato di Deloitte Italia -. Nei prossimi anni, tuttavia, il settore così come lo conosciamo sarà completamente trasformato, con soluzioni digitali e connesse che forniranno modi nuovi e più efficienti per diagnosticare le patologie e aiutare i pazienti. Con questo progetto, Deloitte e Vodafone saranno al centro di questa rivoluzione”.

Entrambe le società sono impegnate a utilizzare le loro reti e le loro capacità per migliorare l’accesso e la qualità delle cure in tutto il mondo. Vodafone connette al settore sanitario già più di 20 milioni di dispositivi a livello globale grazie all’IoT, AI, 5G ed Edge Computing. Ad esempio, Vodafone e Universitätsklinikum Düsseldorf stanno realizzando il primo campus d’Europa connesso in 5G all’ospedale universitario.

D’altro canto, Deloitte ha 24mila professionisti nel suo team globale di Life Sciences and Healthcare e una comprovata esperienza nel fornire un servizio best-in-class alle organizzazioni sanitarie che devono affrontare la rapida adozione di soluzioni digitali all’avanguardia.

Commenta