Condividi

Facebook: fiducia a picco, Zuckerberg battuto da Yahoo!

Secondo una ricerca Reuters/Ipsos, si fida di Facebook appena il 41% degli americani, contro il 66% di Amazon, il 62% di Google, il 60% di Microsoft e il 60% di Apple – Perfino Yahoo, martoriata dagli scandali negli ultimi anni, ispira più fiducia del social di Zuckerberg, che ieri è scivolato su un allucinanate memo interno

Facebook: fiducia a picco, Zuckerberg battuto da Yahoo!

Dopo lo scandalo Cambridge Analytica, la fiducia in Facebook è caduta a picco. Lo certifica un sondaggio condotto fra i cittadini americani da Reuters/Ipsos. Dalla ricerca emerge che il social network fondato da Mark Zuckerberg è sprofondato perfino sotto Yahoo, che pure negli ultimi anni è stato colpito da una pioggia di attacchi hacker e di conseguenti scandali per la violazione dei dati di ben tre miliardi di utenti.

Ma veniamo ai numeri. Secondo l’analisi, per quanto concerne la capacità di tutelare la privacy, si fida di Facebook appena il 41% degli americani. Una quota largamente inferiore a quella di molti altri giganti dell’high tech. Amazon, ad esempio, è al 66%, Google al 62%, Microsoft al 60% e Apple (che ha recentemente annunciato alcune novità proprio in tema di privacy) al 53%. Yahoo è sotto la metà, a quota 48%, ma comunque ben sei punti percentuali sopra Facebook.



Nei giorni scorsi Zuckerberg si è scusato pubblicamente con i suoi utenti per la falla nel sistema che ha permesso alla società britannica Cambridge Analytica di accedere in modo illegittimo a 51 milioni di profili Facebook. Ma stavolta sembra proprio che i cittadini americani non siano disposti  a essere indulgenti con il social network più diffuso del pianeta. Tanto più dopo il nuovo scivolone di ieri, quando è stato trovato un memo allucinante dell’ex vicepresidente di Facebook che diceva che “il social può uccidere ma Facebook deve crescere ad ogni costo”. Zuckerberg ha subito preso le distanze dicenco che “il fine non giusitica i mezzi” ma ormai la credibilità è perduta.

Commenta