Condividi

Concorrenza: la legge torna in alto mare, l’ira di Calenda

Il ddl che arriverà alla Camera lunedì 26 giugno ha subito ulteriori quattro modifiche dalle commissioni Finanze e Attività produttive di Montecitorio, e dovrà quindi tornare al Senato per la quarta lettura, con relativo rallentamento di un iter che va già avanti da troppo tempo (850 giorni) – Calenda: “E’ un calvario”.

Concorrenza: la legge torna in alto mare, l’ira di Calenda

Dietrofront della legge sulla concorrenza. Il ddl che arriverà alla Camera lunedì 26 giugno ha subito ulteriori quattro modifiche dalle commissioni Finanze e Attività produttive di Montecitorio, e dovrà quindi tornare al Senato per la quarta lettura, con relativo rallentamento di un iter che va già avanti da troppo tempo, almeno secondo il ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda: “Con tutto il dovuto rispetto per il Parlamento la decisione di riaprire il ddl concorrenza a più di 850 giorni dalla sua presentazione, è difficilmente comprensibile e rischia di trasmettere l’ennesimo segnale negativo a cittadini, imprese e istituzioni internazionali”.

Le quattro modifiche proposte dal Partito Democratico riguardano assicurazioni, energia, telemarketing e società di odontoiatri. “Sono emendamenti prevalentemente di mera chiarificazione e non mettono in discussione la sostanza degli articoli a cui si riferiscono”, ha ancora detto Calenda ricordando la disponibilità del Governo, “ad affrontare i punti sollevati dagli emendamenti sia attraverso l’accoglimento in sede attuativa di eventuali atti di indirizzo da parte del Parlamento sia promuovendo, dopo l’approvazione definitiva e senza dar luogo ad un ulteriore ed inutile rinvio, ad eventuali iniziative di precisazione del testo”. Stamattina Calenda ha parlato anche di “calvario del provvedimento. Tornare al Senato in quarta lettura sarebbe una pessima immagine”, aveva commentato alla radio prima dell’approvazione delle modifiche.

Nel dettaglio, la maggioranza è intervenuta sull’addio al mercato tutelato dell’energia previsto il 1° luglio 2019: la modifica cancella le aste per i clienti che non hanno ancora scelto il proprio fornitore. Via anche i “paletti” introdotti dal Senato nelle chiamate relative a offerte commerciali telefoniche. Passa infatti una correzione della norma sul telemarketing ritenuta restrittiva della tutela della privacy, con la cancellazione della norma in base alla quale “qualora l’utente sia contattato con finalità di telemarketing, il chiamante deve, all’inizio della telefonata, dichiarare per conto di chi chiama e quale è lo scopo della chiamata. Il cliente, a questo punto, deve dare l’esplicito consenso alla prosecuzione della conversazione, che altrimenti non può proseguire”. Passa poi il ripristino del tacito rinnovo per le assicurazioni per la responsabilità danni. Tornano infine vincoli più restrittivi per le società di odontoiatria in termini di abilitazione dei componenti.

Commenta