Condividi

Telemarketing selvaggio: supermulta a Fastweb

La Corte di Cassazione ha depositato nei giorni scorsi la sentenza che conferma la maxi-multa da 300 mila euro a Fastweb per offerte promozionali che hanno utilizzato in modo irregolare elenchi telefonici pubblici all’insaputa degli abbonati – La sentenza, che ha bocciato un ricorso di Fastweb, parte da ripetute segnalazione del Garante della Privacy

Telemarketing selvaggio: supermulta a Fastweb

Basta con il telemarketing selvaggio a danno dei cittadini. La Corte di Cassazione ha severamente sanzionato Fastweb, rigettandone il ricorso, per aver utilizzato in modo irregolare gli elenchi telefonici pubblici all’insaputa degli abbonati allo scopo di sostenere le proprie offerte promozionali.

La società telefonica, controllata da Swisscom, dovrà pertanto pagare una supermulta da 300mila euro per avere utilizzato gli elenchi pubblici senza il consenso degli interessati.

L’intervento della Cassazione pone fine a lungo contenzioso avviato dal Garante della Privacy in difesa dei cittadini e dei consumatori bersagliati dal telemarketing selvaggio.

Commenta