Condividi

Reputation Manager: è Sergio Marchionne il più stimato sul Web

L’aggiornamento della classifica dei Top manager assegna il secondo posto a Urbano Cairo (Gruppo Rcs) e il terzo a Francesco Starace (Enel)

Reputation Manager: è Sergio Marchionne il più stimato sul Web

E’ Sergio Marchionne il manager più stimato sul Web. Il numero uno di Fca ha conquistato il punteggio più alto di sempre nella classifica definita a Top Manager Reputation, l’osservatorio permanente realizzato da Reputation Manager, che ogni mese monitora la reputazione online delle figure apicali delle principali aziende italiane.

Con 78,8 punti su 100 Sergio Marchionne ha scalato tutte le posizioni, beneficiando dei risultati di bilancio raggiunti dal gruppo automobilistico e dell’andamento delle azioni che a Piazza Affari hanno di recente aggiornato nuovi massimi storici. “La bravura di un top manager a volte si vede anche dalla capacità di fare scelte rivoluzionarie e dalla flessibilità con cui può decidere di rivedere proprie posizioni. E sembra proprio quello che è accaduto a Sergio Marchionne, Ad di Fca, che in un colpo solo è riuscito a confermare entrambi gli stereotipi sopra menzionati”, è la motivazione di Reputatio Manager.



Al secondo posto si è posizionato Urbano Cairo, il fondatore della Cairo Communications e azionista di riferimento di Rcs. L’imprenditore vanta 71,4 punti, beneficiando anche della decisione di nominare il nuovo allenatore del Torino, Walter Mazzari e dopo le dichiarazioni fatte ai tifosi sui progetti per il futuro. Online sono sempre presenti i rumors su una sua possibile discesa in politica, che l’interessato non ha confermato.

Con un punteggio di 62,1 si conferma stabile sul terzo gradino del podio Francesco Starace, l’ad di Enel, anche dopo la nomina di membro della European High Level Multi-Stakeholder Platform, la piattaforma che si occupa di implementare gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite.

Prima dell’estate la classifica era rovesciata con Cairo al primo posto, Starace al Terzo e Marchionne offuscato dal dieselgate.

Commenta