Condividi

Metalmeccanici, grosso passo avanti sul diritto alla formazione

Oggi presso Confindustria a Roma si è tenuto un incontro importante sul rinnovo del contratto nazionale dei metalmeccanici. I temi in discussione sono stati la formazione continua, il diritto allo studio e l’apprendistato – Bentivogli: “I lavoratori beneficieranno di questa rivoluzione culturale.”

Metalmeccanici, grosso passo avanti sul diritto alla formazione

Oggi presso Confindustria a Roma si è tenuto un incontro importante sul rinnovo del contratto nazionale dei metalmeccanici. I temi in discussione sono stati la formazione continua, il diritto allo studio e l’apprendistato.

Il segretario della Fim-Cisl, Marco Bentivogli ha commentato i progressi compiuti:  “Il diritto soggettivo alla formazione ha buone chance per diventare presto realtà per i metalmeccanici. Questo è un tema su cui la FIM in particolare spinge da tempo, consapevole del fatto che l’intero settore dell’industria e le nuove fabbriche intelligenti di Industry 4.0 hanno (e avranno) sempre bisogno anche delle intelligenze delle persone, delle loro competenze e professionalità e del loro impegno cognitivo. La formazione continua è un investimento strategico per aggiornare o sviluppare competenze, in stretto collegamento con l’innovazione tecnologica e organizzativa del lavoro e della produzione.



Sono però i lavoratori – continua Bentivogli quelli che beneficeranno maggiormente di questa vera e propria rivoluzione culturale: nell’attuale contesto produttivo sono frequenti le riorganizzazioni e le ristrutturazioni aziendali, come può capitare che la carriera non sia sempre continuativa. Con la formazione come diritto soggettivo il lavoratore diventa più forte e avrà strumenti più efficaci di quanto oggi non abbia per affrontare eventuali cambiamenti. La formazione continua intesa in questa nuova modalità è uno degli elementi che faranno di questo rinnovo un contratto moderno e innovativo, con strumenti nuovi o rinnovati per cogliere e accompagnare la sfida del cambiamento nel lavoro e nelle fabbriche”.

“La trattativa prosegue – conclude il segretario della Fim Cisl – Al momento i temi su cui siamo a buon punto sono: il welfare sanitario e previdenziale, la formazione, il diritto allo studio, ferie e congedi parentali, legge 104. Nei prossimi giorni ci occuperemo di inquadramento, orario, recepimento Testo Unico, relazioni industriali e partecipazione, trasferte, appalti, trasferimenti e reperibilità, diffusione secondo livello e salario”.

La trattativa prosegue in commissione tecnica dopodomani 10 novembre al pomeriggio e poi l’11, ed eventualmente il 14, 15 e 16 Novembre, data in cui – nel pomeriggio – la trattativa riprenderà con le segreterie nazionali.

Commenta