Condividi

Guida Osterie d’Italia di Slow Food: la migliore è il Grillo di Tiziana Tacchi a Chiusi

Gode buona salute il settore delle Osterie in Italia: lo testimonia l’autorevole Guida di Slow Food. Sei premi speciali su 1713 locali recensiti. L’oste più giovane 2021 è a Roma, l’Osteria Epiro. Va a Bolzano il Premio per la Miglior Interpretazione della Cucina Regionale. L’elenco di tutte le migliori Osterie d’Italia

Guida Osterie d’Italia di Slow Food: la migliore è il Grillo di Tiziana Tacchi a Chiusi

Il migliore oste d’Italia è una donna, Tiziana Tacchi, anima e patronessa de Il Grillo è Buoncantore a Chiusi (SI). È stata autorevolmente consacrata dalla Guida Osterie d’Italia di Slow Food. Tiziana Tacchi – si legge nella Guida presentata al Piccolo Teatro Strehler di Milano, “è probabilmente una delle cuoche che meglio incarna l’idea dell’oste-attivista. Innamorata di Slow Food, grande promotrice del suo territorio, ostessa gioiosa, dinamica, capace”.

È invece a Roma il Miglior Giovane Oste d’Italia, è Epiro Roma, nel quartiere San Giovanni, “Un’osteria giovane e dinamica, imperniata sulla ricerca della convivialità, le migliori materie prime e un approccio attuale alla tradizione. Un luogo dove stare bene”.



Bisogna invece spostarsi a Bolzano per il Premio alla Miglior Interpretazione della Cucina Regionale che è andato a Johannes Lerchner titolare di Lerchner’s in Runggen a  San Lorenzo di Sebato (BZ)  che “ha messo la sua professionalità di cuoco al servizio della cucina di tradizione che interpreta non solo con uno stile elegante e attento anche ai dettagli, ma soprattutto con originalità: i suoi piatti non si accontentano mai di interpretazioni note e banali, ma vanno alla ricerca delle fonti autentiche e filologicamente rispettose dei canoni storici.

La nuova edizione di Osterie d’Italia, disponibile dal 27 ottobre in tutte le librerie e sul sito di Slow Food Editore, testimonia, rispetto all’edizione precedente, uno scenario davvero incoraggiante. Innanzitutto, nella crescita dei numeri: su 1713 locali recensiti (1697 in Osterie d’Italia 2021), la Guida conta ben 120 novità, tra cui compaiono molte nuove attività aperte proprio negli ultimi due anni. Qui sono incluse anche realtà di ristorazione di simile impianto e offerta, ma con specifiche peculiari di ogni regione: ne sono esempio le pizzerie in Campania, i fornelli in Puglia e le piadinerie in Emilia-Romagna e da quest’anno i forni e gli indirizzi dove acquistare le focacce di Genova e di Recco.

A questo si aggiunge un dato altrettanto interessante su quei locali che, per chiusura o per cambiamento del proprio percorso, sono usciti dalla Guida, di cui se ne conta un numero decisamente moderato. Segni evidenti, questi, che dimostrano come le osterie abbiano retto il colpo. Le regioni che contano più osterie rappresentate sono la Campania (177), la Toscana (145) e il Piemonte (136), seguite da Emilia-Romagna (124) e Puglia (111).

I sei premi speciali, decretati dall’edizione della Guida di quest’anno per la prima volta sono stati attributi anche a locali che non si sono già aggiudicati la Chiocciola in guida: questo, per evidenziare come le Chiocciole non siano semplicemente locali risultanti da una somma di caratteristiche positive, e come altrettante osterie possano fare da modello per certi particolari elementi della loro offerta.

Proseguendo pertanto Il Premio per la Miglior Carta dei Vini è stato consegnato da San Bernardo a: Consorzio a Torino “Se oggi il vino naturale è così diffuso in molte osterie contemporanee tanta parte del merito è anche di Pietro Vegano e Andrea Gherra che, oltre dieci anni fa, hanno scommesso su una carta dei vini per nulla banale, naturale e con una straordinaria selezione anche al bicchiere. Non è però un premio alla storia, perché la carta continua a innovarsi”.

C’è poi il Premio alla Miglior Dispensa che è andato ad Arrogant Pub di Reggio Emilia “un pub ma che pub! – sottolinea la Guida – Alessandro Belli ed Elisa Migliari hanno una delle migliori selezioni di prodotti eccellenti per profondità, attenzione al territorio, identità. Inoltre, durante il lungo lockdown, per garantire ai propri fornitori un minino di introito l’Arrogant ha organizzato la vendita di pacchi con i loro prodotti senza ricaricare i costi”.

Infine, il Premio alla Miglior Novità è stato consegnato a Columbus Capri di Anacapri (NA). Si legge nella motivazione:” Riuscire nel circuito turistico dell’isola di Capri a proporre una ristorazione che sia in linea con il “Buono Pulito e Giusto” ma soprattutto che riesca a offrire un menù dai prezzi contenuti, pienamente corrispondente al target di Osterie è un’impresa davvero degna di nota. Columbus è il luogo ideale per gustare la cucina isolana con tante materie prime che provengono dai campi di proprietà presenti sull’isola: legumi, tra cui l’eccellente cicerchia di Capri, e olio evo “Oro di Capri” sono i punti di forza di Vincenzo Torelli”.

L’ottimo risultato raggiunto dalle Osterie, “anche quando messe a confronto con altre realtà del settore ristorativo, è un diretto riflesso della struttura delle stesse» – commenta uno dei due curatori della Guida, Eugenio Signoroni – «La maggior parte, infatti, è gestito a livello familiare o amicale, il che ha permesso una flessibilità e un adattamento notevole durante periodi di grande cambiamento come quello appena vissuto, perché libero da logiche economiche molto più rigide, impostate. Un altro elemento è dato dalla peculiare accoglienza di questi luoghi, facilmente riconosciuti dal pubblico: alla riapertura dei ristoranti, siamo stati testimoni di una letterale presa d’assalto delle osterie che ha portato a un numero di download dell’App di Osterie d’Italia pari solo al numero di download che registriamo nel periodo natalizio. Non per ultimo, resta il fatto che le osterie sono (e siano anche riconosciute) come luoghi più accessibili, nel prezzo come nel servizio, nel modo di porsi, nella cucina. Come già dimostrano i numeri della Guida 2022, siamo convinti che quello dell’osteria sarà il modello ristorativo che meglio reggerà» aggiunge.

«Il 2022 sarà l’anno della riscossa e la pandemia lo ha già dimostrato – commenta Marco Bolasco, co-curatore della Guida – la prova di resilienza che le trattorie e osterie italiane hanno dato dimostra quanto queste siano la vera spina dorsale della ristorazione italiana. Forse alcune di loro non sono ancora protagoniste sui media, ma anche questo sta velocemente cambiando. Perché le nostre osterie stanno cambiando, e in fretta. D’altro canto, già da un po’ i cuochi stellati in cerca di una tavola si fanno consigliare dagli amici una valida trattoria. Vorrà pur dire qualcosa»

 I numeri di Osterie d’Italia 2022 offrono chiari indizi del modo in cui il settore si è evoluto durante e dopo il periodo di emergenza sanitaria: a una diminuzione del numero dei coperti e a un cambio negli orari di apertura è corrisposta innanzitutto una grande diffusione dei dehors, ma anche un generalizzato aumento del prezzo medio dei locali presenti in guida. La scelta dei curatori è stata di registrare il dato e non intervenire, limitandosi a osservare come un trend del genere possa evolversi in futuro – ma pur sempre evidenziando con il simbolo “Prezzo più” le situazioni in cui si paga più della media.

Barbara Nappini, presidente di Slow Food Italia, ha rimarcato il privilegio di poter attingere dalla grande biodiversità culturale della rete associativa di Slow Food: «Osterie d’Italia è una tappa fondante della nostra associazione, è uno strumento iconografico che per tanti anni è riuscito a esprimere una visione culturale originale e ampia del mondo del cibo in Italia. È il frutto del lavoro di tante anime che stanno dentro la nostra associazione. Nel 2021, in un’epoca di grandi sfide, la voce di Slow Food è più necessaria che mai e le ostesse e gli osti hanno la grande opportunità di leggere i cambiamenti cui andiamo incontro grazie alle relazioni con i loro clienti nel momento del convivio. Per rigenerarci abbiamo bisogno della forza, della passione e del contributo di tutti».

 In chiusura Carlo Petrini, fondatore e presidente di Slow Food, ha lanciato un messaggio alle ostesse e gli osti: «Il più importante auspicio che vi faccio per questa ripartenza è di cogliere l’opportunità di educare i vostri clienti a rispettare i tempi del lavoro e i ruoli all’interno del vostro locale. In questi giorni si dice che non si trovano camerieri, ma alla base ci deve essere dignità del lavoro, riconosciuta a tutti i ruoli e non solo ai cuochi blasonati. Affinché il vostro lavoro sia sostenibile dovete fare in modo che duri nel tempo ciò che avete costruito, a partire da una vita gratificante, dalla possibilità di conoscere il territorio e di creare legami forti con i produttori della vostra zona».

LE CHIOCCIOLE REGIONE PER REGIONE

PIEMONTE

47. Osteria dell’Arco – Alba (CN)

53. Battaglino – Bra (CN)

54. Boccondivino – Bra (CN)

55. Violetta – Calamandrana (AT)

57. Il Moro – Capriata d’Orba (AL)

59. Cacciatori – Cartosio (AL)

63. Madonna della Neve – Cessole (AT)

63. La Torre – Cherasco (CN)

65. Locanda dell’Arco – Cissone (CN)

72. La Speranza – Farigliano (CN)

78. Lou Pitavin – Marmora (CN)

82. Repubblica di Perno

Monforte d’Alba (CN)

83. Cantina dei Cacciatori

Monteu Roero (CN)

94. Corona di Ferro – Saluzzo (CN)

95. Osteria della Pace – Sambuco (CN)

95. Del Belbo da Bardon

San Marzano Oliveto (AT)

98. La Coccinella

Serravalle Langhe (CN)

99. Impero – Sizzano (NO)

100. Antiche Sere – Torino

101. Consorzio – Torino

108. Locanda del Falco – Valdieri (CN)

109. Paolino – Vercelli

LIGURIA

118. Cian de Bià – Badalucco (IM)

119. Magiargè Vini e Cucina

Bordighera (IM)

120. Mse Tutta – Calizzano (SV)

122. Il Castagneto

Castiglione Chiavarese (GE)

123. A Viassa – Dolceacqua (IM)

140. Raieü – Lavagna (GE)

141. Ligagin – Lumarzo (GE)

144. Baccicin du Caru – Mele (GE)

145. La Brinca – Ne (GE)

147. U Giancu – Rapallo (GE)

LOMBARDIA

161. Visconti – Ambivere (BG)

161. Le Frise – Artogne (BS)

166. La Madia – Brione (BS)

167. Locanda degli Artisti

Cappella de’ Picenardi (CR)

169. Hostaria Viola

Castiglione delle Stiviere (MN)

174. Da Sapì – Esine (BS)

176. Antica Trattoria Piè del Dos

Gussago (BS)

177. Caffè la Crepa – Isola Dovarese (CR)

178. Al Resù – Lozio (BS)

183. Mirta – Milano

183. Ratanà – Milano

185. Trippa – Milano

187. Prato Gaio – Montecalvo Versiggia (PV)

188. Guallina – Mortara (PV)

189. Osteria della Villetta

Palazzolo sull’Oglio (BS)

190. Trattoria dell’Alba

Piadena Drizzona (CR)

190. Osteria del Miglio 2.10

Pieve San Giacomo (CR)

197. Lago Scuro – Stagno Lombardo (CR)

200. Lamarta – Treviso Bresciano (BS)

TRENTINO

208. Maso Santa Romina

Canal San Bovo (TN)

211. Osteria della Locanda Fiore

Comano Terme (TN)

211. Locanda delle Tre Chiavi – Isera (TN)

212. Boivin – Levico Terme (TN)

212. Lusernarhof – Luserna (TN)

216. Osteria Storica Morelli

Pergine Valsugana (TN)

219. Nerina – Romeno (TN)

221. Rifugio Maranza – Trento

ALTO ADIGE SÜDTIROL

226. Kürbishof – Anterivo-Altrei (BZ)

228. Oberraut – Brunico-Bruneck (BZ)

230. Alter Fausthof

Fiè allo Sciliar-Voels am Schlern (BZ)

230. Pitzock – Funes (BZ)

238. Lanzenschuster – San Genesio

Atesino-Jenesien (BZ)

242. Lamm Mitterwirt – San Martino in Passiria

Sankt Martin in Passeier (BZ)

244. Waldruhe – Sesto-Sexten (BZ)

246. Durnwald – Valle di Casies-Gsies (BZ)

VENETO

253. Laita La Contrada del Gusto

Altissimo (VI)

254. Zamboni – Arcugnano (VI)

259. Alle Codole – Canale d’Agordo (BL)

259. Pironetomosca

Castelfranco Veneto (TV)

269. Dai Mazzeri – Follina (TV)

269. Enoteca della Valpolicella – Fumane (VR)

272. Al Ponte – Lusia (RO)

274. Madonnetta – Marostica (VI)

275. Il Sogno – Mirano (VE)

280. Da Paeto – Pianiga (VE)

282. Arcadia – Porto Tolle (RO)

284. Locanda Solagna – Quero Vas (BL)

285. Al Forno – Refrontolo (TV)

291. Antica Trattoria al Bosco – Saonara (PD)

293. San Siro – Seren del Grappa (BL)

293. Da Doro – Solagna (VI)

298. Isetta – Val Liona (VI)

FRIULI VENEZIA GIULIA

314. Ai Cacciatori – Cavasso Nuovo (PN)

315. Borgo Poscolle – Cavazzo Carnico (UD)

319. Al Castello – Fagagna (UD)

321. Rosenbar – Gorizia

327. Ivana & Secondo

Pinzano al Tagliamento (PN)

334. Devetak – Savogna d’Isonzo

Sovodnje ob Soci (GO)

345. Stella d’Oro – Verzegnis (UD)

EMILIA-ROMAGNA

352. Osteria Bottega – Bologna

353. Trattoria di Via Serra – Bologna

354. La Lanterna di Diogene – Bomporto (MO)

355. Campanini – Busseto (PR)

356. Locanda Mariella – Calestano (PR)

356. Laghi – Campogalliano (MO)

357. Badessa – Casalgrande (RE)

359. Da Faccini – Castell’Arquato (PC)

366. La Baita – Faenza (RA)

369. Entrà – Finale Emilia (MO)

371. La Campanara – Galeata (FC)

372. Antica Locanda del Falco

Gazzola (PC)

382. Antica Trattoria Cattivelli

Monticelli d’Ongina (PC)

382. Osteria di Rubbiara – Nonantola (MO)

386. Ostreria Pavesi – Podenzano (PC)

391. Osteria dei Frati – Roncofreddo (FC)

397. Amerigo dal 1934 – Valsamoggia (BO)

400. Trattoria del Borgo – Valsamoggia (BO)

402. Il Cantacucco – Zocca (MO)

TOSCANA

409. Aiuole – Arcidosso (GR)

411. La Lina – Bagnone (MS)

412. Il Tirabusciò – Bibbiena (AR)

416. Osteria da Mi Pa’ – Capannori (LU)

424. Il Grillo è Buoncantore – Chiusi (SI)

424. La Solita Zuppa – Chiusi (SI)

426. Osteria del Teatro – Cortona (AR)

432. Da Burde – Firenze

432. Il Cibreo Trattoria – Firenze

435. La Burlanda – Fosdinovo (MS)

437. Mangiando Mangiando

Greve in Chianti (FI)

437. Oste Scuro – Grosseto

443. Il Mecenate – Lucca

446. Da Roberto Taverna in Montisi

Montalcino (SI)

448. Belvedere – Monte San Savino (AR)

451. L’Oste Dispensa – Orbetello (GR)

459. Caveau del Teatro – Pontremoli (MS)

461. La Tana degli Orsi

Pratovecchio Stia (AR)

464. Caciosteria dei Due Ponti

Sambuca Pistoiese (PT)

465. Antico Ristoro Le Colombaie

San Miniato (PI)

473. Il Conte Matto – Trequanda (SI)

474. Buonumore – Viareggio (LU)

UMBRIA

484. L’Acquario – Castiglione del Lago (PG)

484. La Miniera di Galparino

Città di Castello (PG)

490. Tipico Osteria dei Sensi – Montone (PG)

496. I Birbi – Perugia

497. Stella – Perugia

499. Il Capanno – Spoleto (PG)

MARCHE

510. Osteria del Castello

Arquata del Tronto (AP)

514. Agra Mater – Colmurano (MC)

516. Da Maria – Fano (PU)

519. Gallo Rosso – Filottrano (AN)

529. Ophis – Offida (AP)

537. Da Rita – San Benedetto del Tronto (AP)

541. Vino e Cibo – Senigallia (AN)

LAZIO

549. Nu’ Trattoria Italiana dal 1960

Acuto (FR)

553. Iotto – Campagnano di Roma (RM)

553. Lo Stuzzichino – Campodimele (LT)

555. Trattoria del Cimino – Caprarola (VT)

558. La Piazzetta del Sole – Farnese (VT)

563. L’Oste della Bon’Ora

Grottaferrata (RM)

568. Sora Maria e Arcangelo

Olevano Romano (RM)

569. Osteria del Vicolo Fatato – Piglio (FR)

573. Da Armando al Pantheon – Roma

574. Da Cesare – Roma

581. Grappolo d’Oro – Roma

587. Pro Loco D.O.L. – Roma

589. Trattoria Popolare L’Avvolgibile – Roma

595. Il Casaletto – Viterbo

CAMPANIA

694. La Pignata – Ariano Irpino (AV)

696. Valleverde Zi’ Pasqualina

Atripalda (AV)

697. ‘A Luna Rossa – Bellona (CE)

701. Tre Sorelle – Casal Velino (SA)

702. Gli Scacchi – Caserta

709. Fontana Madonna – Frigento (AV)

709. La Pergola – Gesualdo (AV)

710. Fenesta Verde

Giugliano in C711. La Marchesella

Giugliano in Campania (NA)

712. Il Focolare – Isola d’Ischia (NA)

714. Lo Stuzzichino – Massa Lubrense (NA)

714. Antica Trattoria Di Pietro

Melito Irpino (AV)

715. I Santi – Mercogliano (AV)

721. Da Donato – Napoli

737. Famiglia Principe 1968

Nocera Superiore (SA)

739. Osteria del Gallo e della Volpe

Ospedaletto d’Alpinolo (AV)

742. Perbacco – Pisciotta (SA)

744. Abraxas – Pozzuoli (NA)

745. La Ripa – Rocca San Felice (AV)

750. ‘E Curti – Sant’Anastasia (NA)

751. ‘O Romano – Sarno (SA)

758. La Piazzetta – Valle dell’Angelo (SA)

759. Il Cellaio di Don Gennaro

Vico Equense (NA)

ABRUZZO

602. PerVoglia – Castellalto (TE)

604.Zenobi – Colonnella (TE)

609. La Bilancia – Loreto Aprutino (PE)

613. Sapori di Campagna – Ofena (AQ)

615. Taverna de li Caldora – Pacentro (AQ)

616. Font’Artana – Picciano (PE)

620. Vecchia Marina

Roseto degli Abruzzi (TE)

624. La Corte – Spoltore (PE)

627. Cibo Matto – Vasto (CH)

MOLISE

630. Locanda Mammì – Agnone (IS)

632. La Grotta da Concetta – Campobasso

BASILICATA

765. Gagliardi – Avigliano (PZ)

768. Forentum – Lavello (PZ)

771. Da Peppe – Rotonda (PZ)

CALABRIA

776. Pecora Nera – Albi (CZ)

778. Il Tipico Calabrese – Cardeto (RC)

786. La Taverna dei Briganti – Cotronei (KR)

788. Il Ritrovo dei Picari – Grotteria (RC)

790. La Collinetta – Martone (RC)

793. Calabrialcubo – Nocera Terinese (CZ)

797. La Tana del Ghiro – San Sosti (CS)

798. Il Vecchio Castagno – Serrastretta (CZ)

PUGLIA

642. Le Macare – Alezio (LE)

643. Antichi Sapori – Andria

648. PerBacco – Bari

650.Antica Osteria La Sciabica – Brindisi

651. Casale Ferrovia – Carovigno (BR)

652. Cibus – Ceglie Messapica (BR)

653. ‘U Vulesce – Cerignola (FG)

660. La Cuccagna – Crispiano (TA)

666. La Taverna del Duca – Locorotondo (BA)

668. Canneto Beach 2

Margherita di Savoia (BT)

670. Masseria Barbera

Minervino Murge (BT)

674. L’Antica Locanda – Noci (BA)

674. Peppe Zullo – Orsara di Puglia (FG)

676. La Piazza – Poggiardo (LE)

677. Botteghe Antiche – Putignano (BA)

678. Mezza Pagnotta-Cucina Etnobotanica

Ruvo di Puglia (BA)

680. La Fossa del Grano – San Severo (FG)

681. La Locanda di Nonna Mena

San Vito dei Normanni (BR)

686. Ristorante Lilith – Vernole (LE)

SICILIA

805. Gente di Mare – Aci Castello (CT)

807. Terracotta – Agrigento

811. Giardino di Venere – Castelbuono (PA)

812. Nangalarruni – Castelbuono (PA)

823. Oasi Osteria del Mare – Licata (AG)

828. 4 Archi – Milo (CT)

831. Andrea – Palazzolo Acreide (SR)

832. Lo Scrigno dei Sapori

Palazzolo Acreide (SR)

833. Trattoria del Gallo

Palazzolo Acreide (SR)

835. Corona Trattoria – Palermo

847. Da Luciana – San Piero Patti (ME)

848. Al Ritrovo – San Vito Lo Capo (TP)

850. Fratelli Borrello – Sinagra (ME)

851. Mamma Iabica – Siracusa (ME)

852. Cantina Siciliana – Trapani

853. Caupona Taverna di Sicilia – Trapani

SARDEGNA

862. La Locanda dei Buoni e Cattivi

Cagliari

864. Su Tzilleri – Cagliari

870. Su Recreu – Ittiri (SS)

871. Il Portico – Nuoro

871. Il Rifugio – Nuoro

872. Letizia – Nuxis (SU)

878. La Rosa dei Venti – Sennariolo (OR)

Commenta