Condividi

Fs vogliono Anas e Atac ma chi le guiderà? Sfida tra Mazzoncini e Armani

L’ad delle Ferrovie dello Stato, Renato Mazzoncini, non pensa solo ai treni e ai binari ma vuole fare del suo gruppo il motore dell’intera mobilità italiana e si candida ad acquistare l’Anas e l’Atac di Roma – Il suo dinamismo piace a Renzi che lo ha nominato ma che non gradisce boiardi troppo forti e sulla governance del futuro gruppo integrato un ruolo di spicco potrebbe toccare proprio al n.1 di Anas, Gianni Vittorio Armani

Fs vogliono Anas e Atac ma chi le guiderà? Sfida tra Mazzoncini e Armani

Il futuro delle Ferrovie italiane non sarà fatto solo di treni e binari, non solo di Freccerosse e di stazioni. Il nuovo amministratore delegato di Fs, Renato Mazzoncini, scelto da Matteo Renzi in persona per porre fine ai dissidi al vertice e alla sonnolenta e litigiosa gestione ferroviaria di Michele Mario Elia, pensa in grande e vuole fare delle Ferrovie dello Stato il motore di tutta la mobilità italiana. Nei suoi programmi, come ha rivelato in un’intervista a “la Repubblica”, c’è l’espansione di Fs nel campo delle strade e delle grandi infrastrutture e nel campo del trasporto locale. I suoi obiettivi, oltre al potenziamento del servizio ferroviario sia nazionale che locale, sono l’Anas, la società guidata da Gianni Vittorio Armani che gestisce le grandi infrastrutture stradali del Paese, e c’è l’Atac, la municipalizzata romana del trasporto locale da tempo sull’orlo del baratro.

“L’Anas ci serve – ammette Mazzoncini – perchè è un’azienda molto importante, con un sacco di problemi, ma strategica. Però l’Anas non ha la tecnologia che abbiamo noi con Rfi. Insieme possiamo creare un polo della mobilità”. Quanto all’Atac di Roma Mazzoncini è convinto di poter replicare il risanamento e il rilancio di Firenze, che gli valse l’apprezzamento di Renzi: “Non  credo che sia complicato risanarla”. Alla prossima amministrazione della Capitale le Fs faranno perciò domanda per partecipare alla gara per la gestione dell’Atac.

Il dinamismo e i piani di modernizzazione di Mazzoncini sicuramente piacciono a Renzi che però non ama i boiardi troppo forti e che ha sempre avuto un occhio di riguardo anche per il nuovo numero uno dell’Anas, il giovane Gianni Vittorio Armani che promette di realizzare il miracolo del secolo completando per davvero la Salerno-Reggio Calabria. Ecco perchè la governance di un eventuale matrimonio Fs-Anas è tutta da vedere e c’è chi dice che si giocherà proprio sul duello Mazzoncini-Armani. Chi dei due sarà chiamato a comandare?

Commenta