Condividi

Banche, sofferenze ancora giù. Rallenta la crescita dei depositi

Secondo l’ultimo bollettino di Bankitalia su “Banche e moneta” in luglio i crediti deteriorati netti sono scesi a 40,126 miliardi, il livello più basso dal 2010. Prosegue il calo della raccolta obbligazionaria

Banche, sofferenze ancora giù. Rallenta la crescita dei depositi

Prosegue in luglio la flessione delle sofferenze in bilancio alle banche italiane, con le lorde che hanno messo a segno un minimo da gennaio 2013 e le nette da dicembre 2010. Lo scrive Reuters.

Secondo i dati del bollettino ‘Banche e moneta’ di Bankitalia, in luglio il totale delle sofferenze lorde in capo agli istituti di credito residenti in Italia ammonta a 127,479 miliardi di euro — minimo da gennaio 2013 — dai 131,743 miliardi di giugno.



A livello netto i crediti deteriorati calano a 40,126 miliardi — record negativo da dicembre 2010 come già il mese precedente — da 42,757 miliardi di giugno.

Su base annua le sofferenze lorde registrano un tasso di riduzione di 20,6% dopo il -26% di di giugno.

Sul fronte della raccolta bancaria, rallenta moderatamente in luglio la crescita dei depositi, con un +4,6% annuo da +6,8% di giugno.

Prosegue invece in contrazione la raccolta obbligazionaria, con un -19,3% dal precedente -19%.

Quanto alle attività di credito, il tasso di crescita complessivo dei prestiti al settore privato è di 2,6% su annuo dopo il 2,5% di giugno.

Nel dettaglio, i finanziamenti alle imprese sono aumentati di 1,6% su anno da 2,8% del mese precedente; quelli alle famiglie sono cresciuti al ritmo annuo di 2,9% da 2,8% di giugno.

Commenta