Condividi

Ballottaggi: Pd, storica sconfitta in Emilia e in Toscana

Il Pd perde ai ballottaggi le sue storiche raccaforti in Emilia (Imola) e in Toscana (Siena prima di tutte, ma anche Pisa e Massa) – Il centrodestra vince anche a Terni, Viterbo, Sondrio e Ivra – Avellino a sorpresa ai 5 Stelle – L’ex ministro Scajola trionfa nel feudo di Imperia.

Ballottaggi: Pd, storica sconfitta in Emilia e in Toscana

Nuova mazzata elettorale e storica debacle del Pd, che ai ballottaggi perde le roccaforti toscane di Siena (città simbolo del caso Mps, dove Bruno Valentini è stato battuto di misura da Luigi De Mossi), Pisa (il nuovo sindaco è Michele Conti, scelto da Lega e Fdi, ma sostenuto anche da Forza Italia) e Massa (vittoria al leghista Francesco Persiani sul candidato del Pd Alessandro Volpi, sindaco uscente). In Emilia i dem perdono anche il Comune simbolo di Imola a beneficio della grillina Manuela Sangiorgi, che ha sconfitto la Pd Carmen Cappello.

Peggio di così non poteva andare per la sinistra, mentre il vento governativo fa avanzare il centrodestra a guida leghista e il M5S.

 

Il Pd regge ad Ancona (riconfermata Valeria Mancinelli), Teramo (città in cui Gianguido D’Alberto ha battuto Giandonato Morra del centrodestra) e Brindisi (dove il nuovo sindaco è Riccardo Rossi, che partiva con uno svantaggio di dieci punti), oltre che in altri centri pugliesi, ma questo non basta ad attenuare la sconfitta e a controbilanciare la perdita di città storiche per la sinistra.

 

Il centrodestra avanza anche a Ivrea (Stefano Sertoli si è imposto in rimonta contro Maurizio Perinetti del Pd), Terni (trionfo di Leonardo Latini, esponente del Carroccio), Sondrio (vittoria a Marco Scaramellini) e Viterbo (dove ha prevalso Giovanni Arena, sostenuto da FI-FdI-Lega contro una candidata civica della stessa area). I Cinque Stelle si impongono a sorpresa ad Avellino con Vincenzo Ciampi. L’ex ministro di Forza Italia, Claudio Scajola, vince alla testa di una lista civica ad Imperia.

Pronostici smentiti in Sicilia. A Messina il candidato civico di area Udc, Caetano De Luca, ha battuto quello del centrodestra, ribaltando il risultato del primo turno. A Ragusa – città amministrata dai grillini negli ultimi cinque anni – il candidato M5S Antonio Tringali è stato battuto da Giuseppe Cassì, sostenuto da liste civiche e da Fdi. Il sindaco uscente aveva scelto di non ricandidarsi. A Siracusa Francesco Italia, del centrosinistra, ha sconfitto Paolo Ezechia Reale, sempre del centrodestra.

L’affluenza alle urne è stata molto bassa, sotto il 50%, ma il verdetto politico è inequivocabile.

Commenta