Condividi

Antitrust: aumentano le segnalazioni dei consumatori

Grazie alla campagna d’informazione #convienesaperlo, finanziata dal Mise, l’Autorità ha visto aumentare di un terzo le segnalazioni dei consumatori su presunte pratiche commerciali scorrette

Antitrust: aumentano le segnalazioni dei consumatori

Le segnalazioni dei consumatori all’Antitrust sono aumentate dalle circa 13mila l’anno del periodo 2016-2020 alle 16.445 registrate tra il 24 novembre 2020 e il 17 ottobre 2021. Questo il risultato della campagna di comunicazione #convienesaperlo, finanziata dal Mise e realizzata dall’Autorità con tre obiettivi: informare i cittadini dei principali diritti del consumatore tutelati dalla normativa europea e italiana; mettere in risalto il ruolo dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato e del MiSE quali difensori di questi diritti; stimolare i consumatori a segnalare all’Antitrust le presunte pratiche scorrette.

Inaugurata a novembre del 2020, la campagna si è conclusa giovedì con un evento all’Auditorium di Roma, durante il quale sono stati forniti tutti i numeri dell’iniziativa. La pagina Facebook dell’Autorità tra dicembre 2020 e ottobre 2021 ha raggiunto 2.385.828 persone e l’account Instagram @convienesaperlo 18.600 utenti. In totale, il sito www.convienesaperlo.it e i profili social nell’anno della campagna hanno ottenuto 21.485.048 visualizzazioni e 736.452 click.



La campagna si è occupata anche del mondo dell’istruzione con due concorsi nazionali: uno per le scuole medie (“Diritti in gara”) e uno per le superiori (“Diventa Influencer AGCM”). Nel primo, gli studenti hanno risposto alle domande di un quiz, mentre nel secondo hanno prodotto un video della durata massima di 60 secondi su uno o più diritti dei consumatori o sul ruolo dell’Antitrust nel difenderli e sull’importanza di segnalare i comportamenti scorretti. Ai primi tre classificati di entrambi i concorsi è stato assegnato un premio in denaro (1.500, 1.000 e 500 euro), da utilizzare per l’acquisto di materiali per la classe.

Per le piccole e medie imprese, invece, il 12 ottobre si è tenuto un incontro di formazione online per fare il punto sulla normativa in materia di diritti dei consumatori e sulle attività delle pmi per tutelarli – in particolare negli acquisti sul web – ed evitare di incorrere in sanzioni da parte dell’Antitrust.

Commenta