Condividi

Parigi – La Fondazione Henri Cartier Bresson presenta il progetto fotografico di Patrick Faigenbaum

13 maggio – 26 Luglio 2015, la Fondazione Cartier-Bresson Henri presenta “Kolkata / Calcutta,” il progetto del fotografo francese Patrick Faigenbaum, vincitore del Premio HCB 2013.

Parigi – La Fondazione Henri Cartier Bresson presenta il progetto fotografico di Patrick Faigenbaum

Un viaggio nel cuore della metropoli indiana che trova il suo profilo storico, attraverso personaggi agli occhi del pubblico, i rituali e paesaggi intimi.

Formatosi in pittura e nutrita dalla storia dell’arte, Patrick Faigenbaum ha fatto le sue prime fotografie nei primi anni 70: il ritratto rimane la base essenziale del suo lavoro e quando si allontana, vi è sempre con un certa intimità che affronta i territori sconosciuti della di lui. “  Alla base del mio lavoro è la casa studio e il quartiere dove c’è un artista di nome Shreyasi Chatterjee , spiega nel suo fascicolo. Questo per evitare l’immagine di eterno o scenografica India senza sostenuto un’idea altrettanto caricatura di modernizzazione. »



Il progetto si è evoluto e dopo sei viaggi successivi dell’autore a Calcutta e dei suoi dintorni, è ora intitolato Kolkata / Calcutta. Questa “doublet” si riferisce quindi alla Bengala metropoli precedentemente chiamata Calcutta dagli inglesi, che ancora persistono i segni di queste divisioni in quarti, molto presenti nel lavoro Faigenbaum. Come notato dal critico e storico dell’arte Jean-François Chevrier nel libro, le immagini di Patrick derivano da una visione interiorizzata della città; sono il risultato di uno sguardo personale, diretto da varie persone.

Gli incontri sono stati fondamentali; molti artisti, musicisti, registi agli occhi del pubblico. Frequenta anche rituali bengalese quotidiano, senza mai dimenticare la sua posizione di spettatore privilegiata, viaggiatore, molti treni passeggeri, che non dimentica i suoi legami occidentali.

Il libro, edito da Lars Müller Publishers è un libro denso, ricco di informazioni dettagliate sulla cultura bengalese, si compone di sette sequenze distinte che riflettono ancora modo intuitivo il fotografo deve, sotto l’ombrellone, ecco il grande poeta bengalese Tagore: ritratti, scene di strada, di vita rurale o ancora in vita si susseguono. Verso di loro Chevrier ha commentato: “  una natura morta è un modello del paesaggio, e il paesaggio allargata natura morta. Il loro contenuto documentario richiede solo la scelta di frutta raccolti. Ma sono una immagine metaforica della zona rurale che comprende l’area metropolitana . “Legends, a volte ampiamente sviluppato, completano il libro sottolineando proprio il desiderio di integrare gli strati di quella cultura alle immagini, ma anche l’approccio di plastica del fotografo.

La mostra presenta 33 opere, simili agli array, abbastanza grande formato a colori e in bianco e nero. Come parte della nuova alleanza tra la Fondazione Hermès (sponsor esclusivo della HCB Award) e la Fondazione Aperture, la mostra sarà presentata a New York dal 18 settembre al 29 ottobre 2015.

Commenta