Condividi

Istat: fiducia imprese cala a 86,6, male tutti i settori

Stando ai dati diffusi dall’Istat, l’indice composito del clima di fiducia delle imprese italiane ha conosciuto un calo a settembre, attestandosi a quota 86,6 – Male tutti i settori: limitano i danni imprese manifatturiere e di costruzione, affondano servizi e commercio al dettaglio.

Istat: fiducia imprese cala a 86,6, male tutti i settori

Cala ancora la fiducia delle imprese italiane. Stando ai dati Istat, infatti, nel mese di settembre l’indice composito del clima di fiducia delle imprese italiane ha conosciuto una nuova flessione: a 86,6 da 88,1 di agosto, un peggioramento che coinvolge tutti i settori, dal manifatturiero al commercio al dettaglio, passando per i servizi di mercato e le costruzioni.

Per quanto riguarda le imprese manifatturiere l’indice scende a 95,1 da 95,4 di agosto. Migliorano le attese di produzione (da 1 a 2 il saldo) ma peggiorano i giudizi sugli ordini (da -25 a -27); il saldo relativo ai giudizi sulle scorte di magazzino rimane stabile a 3. Tra i raggruppamenti principali in crescita beni di consumo e beni strumentali, mentre figurano in calo i beni intermedi.



La fiducia delle imprese di costruzione scende a 75,4 da 76,7 di agosto. Rimangono stabili (a -48) i giudizi sugli ordini e/o piani di costruzione ma peggiorano lievemente le attese sull’occupazione (da -22 a -23).

Molto netta la flessione delle imprese dei servizi e del commercio al dettaglio, passate rispettivamente da 87,4 a 84,9 e da 97,7 a 92,5. In calo, per il commercio al dettaglio, sia la grande distribuzione che quella tradizionale.

Commenta