Condividi

Intesa Sanpaolo e università Cattolica, corsi per manager digitali

Le due realtà lanciano Digital Corporate&Transaction Banking Academy: due corsi su trasformazione digitale e internazionalizzazione, dedicati soprattutto alle Pmi.

Intesa Sanpaolo e università Cattolica, corsi per manager digitali

Intesa Sanpaolo e Università Cattolica del Sacro Cuore – CeTIF annunciano l’avvio della Digital Corporate&Transaction Banking Academy, per accompagnare imprenditori e manager verso la trasformazione digitale e verso l’internazionalizzazione. Due i corsi in partenza frutto di un accordo di collaborazione siglato tra Intesa Sanpaolo, Università Cattolica – CeTIF, CeTIF Advisory e Intesa Sanpaolo Formazione: International Trade & Export Management e Modelli di Business e Strategie Digitali per le Imprese al via rispettivamente il 1° marzo e il 7 aprile. L’offerta formativa, di tre edizioni scaglionate nel corso del 2021 della durata di cinque settimane, è stata formulata unendo le competenze accademiche dell’Università Cattolica del Sacro Cuore e l’esperienza sul campo dei manager di Intesa Sanpaolo.

“Abbiamo la chiara consapevolezza – ha commentato Elisa Zambito Marsala, Amministratore Delegato di Intesa Sanpaolo Formazione, società di formazione del Gruppo dedicata in particolare alle PMI e alle imprese – che in un momento così complesso occorra concentrarsi su innovazione e sviluppo delle competenze. Nuovi modelli organizzativi basati su digitalizzazione e internazionalizzazione generano opportunità e sono un fattore abilitante per rendere sostenibile il modello di business delle imprese. Con i nostri percorsi formativi intendiamo venire incontro alle esigenze delle PMI e aiutarle a rimanere competitive sia dentro l’azienda con le nuove opportunità date dalla digitalizzazione, sia verso l’esterno, con competenze adeguate ad affrontare i mercati internazionali. Tutto con il contributo qualificante dell’Università Cattolica del Sacro Cuore”.



I corsi sono costruiti integrando il contributo concreto e di esperienza sul campo della Divisione IMI Corporate e Investment Banking di Intesa Sanpaolo, attraverso la Direzione Global Transaction Banking, il cui responsabile Stefano Favale ha commentato: “In un momento di discontinuità e con scenari di mercato in continua evoluzione, le imprese sono sempre più impegnate in processi di trasformazione digitale e di sviluppo internazionale che richiedono un continuo aggiornamento delle competenze a tutti i livelli dell’organizzazione. L’investimento in questa area chiave consentirà alle aziende di supportare al meglio la ripartenza del business nel breve termine e di costruire un vantaggio competitivo nel medio periodo. I programmi di alta formazione che prendono il via con la ‘Digital Corporate & Transaction Banking Academy’ in collaborazione con CeTIF e Intesa Sanpaolo Formazione sono un’opportunità concreta per le imprese di avviare questo percorso di riposizionamento strategico delle competenze”.

Ad affiancare Intesa Sanpaolo Formazione, l’Università Cattolica Sacro Cuore con CeTIF – Centro di Ricerca su Tecnologie innovazione e Servizi Finanziari – che apporta competenze accademiche sui percorsi di studio che si svolgeranno in modalità digitale. E fondamentale l’apporto al progetto della Divisione IMI Corporate e Investment Banking di Intesa Sanpaolo, guidata da Mauro Micillo, attraverso la Direzione Global Transaction Banking.

“L’avvio della Digital Corporate&Transaction Banking Academy con Intesa Sanpaolo – commenta il professore Federico Rajola, Direttore del CeTIF – realizza l’opportunità ideale nella quale l’Accademia ha la possibilità di portare il proprio contributo di valore all’interno dell’impresa, favorendo lo sviluppo della Digital Culture e fornendo una visione strategica della Digital Transformation. Questo accordo si concretizza in un contesto particolarmente sfidante e le competenze acquisite nei diversi percorsi formativi che saranno organizzati forniranno alle Imprese, strumenti per innovare e per competere con maggiore efficacia nel mercato, anche globale”.

Commenta