Condividi

FIRSTonline record: a febbraio le visite sfiorano i 4 milioni

A febbraio FIRSTonline ha stabilito, secondo dati Google Analytics, i suoi nuovi record di diffusione con 3 milioni e 373.307 visite dirette che salgono a quasi 4 milioni se si aggregano i contatti raccolti su altre piattaforme – In media 137 mila persone leggono giornalmente FIRSTonline, che si colloca virtualmente al quinto posto tra i siti italiani di economia e finanza – Il boom è stato solo in piccola parte dovuto ai servizi sul Coronavirus – Premiato il buon giornalismo

FIRSTonline record: a febbraio le visite sfiorano i 4 milioni

Febbraio 2020 d’oro per FIRSTonline, che brucia tutti i suoi record precedenti totalizzando oltre 3 milioni di visite dirette e quasi 4 milioni in termini aggregati, a conferma che, alla fine, anche sulla Rete l’affidabilità, la qualità, l’indipendenza e la creatività dell’informazione economica e finanziaria pagano e premiano il buon giornalismo.

Le visualizzazioni registrate a febbraio sul sito di FIRSTonline sono state – secondo le rilevazioni di Google Analytics – esattamente 3 milioni e 373.307, con un incremento di oltre il 50% sia sul mese precedente (2 milioni e 53 mila visite) che sul mese di febbraio del 2019, quando fu stabilito il precedente record di contatti con un totale di 2 milioni e 151.836 visualizzazioni.



Se alle visite dirette si aggiungono le 316.803 registrate dalla pagina Facebook di FIRSTonline e le 279.731 incassate sulla piattaforma di Microsoft Italia (www.msn.it), di cui FIRSTonline è fornitore ufficiale di contenuti economici e finanziari, il totale aggregato di visualizzazioni raccolte nel mese di febbraio 2020 sale alla cifra record di 3 milioni e 969.841 unità, a un soffio dalla soglia dei 4 milioni e al netto delle visite raccolte dai propri tre siti vertical (FIRST Arte, First&Food e FIRST Tutorial). Il precedente record aggregato, sempre nel febbraio 2019, era stato di 2 milioni e 660.019 visualizzazioni, sempre al netto dei 3 verticali.

Gli utenti unici sono stati 831 mila e 791.

Mediamente, nel mese di febbraio 2020 FIRSTonline è stato letto da circa 137 mila persone al giorno, distribuite sulle varie piattaforme alle quali affluiscono i contenuti del sito. Significa che, in termini di visualizzazioni quotidiane medie aggregate, FIRSTonline – a seconda delle diverse metodologie di calcolo utilizzate – si colloca virtualmente al quinto posto della classifica dei siti italiani di economia e finanza, dietro a testate illustri ma con un numero di giornalisti incomparabilmente superiore alla redazione di FIRSTonline, che è composta da soli sette giornalisti e alcuni collaboratori.

È interessante notare che il record di febbraio non è l’effetto del boom di notizie collegate all’esplosione del Coronavirus, che certamente ha contato negli ultimi dieci giorni anche se non in maniera decisiva, ma dal trend ascensionale in corso dall’autunno 2019 e che fa leva principalmente su articoli di servizio o su approfondimenti di qualità. La controprova sta nel fatto che il servizio più letto a febbraio è stato quello sulle novità in arrivo sulle pensioni, con oltre 277 mila visualizzazioni, seguito da quello sui conti del Festival di Sanremo con più di 146 mila visite, da quello sulle novità del decreto Milleproroghe per medici e specializzandi con più di 132 mila visite e da quello sul Bonus asilo nido con oltre 110 mila visite. Il servizio più letto sul Coronavirus riguarda le novità per le imprese e per i datori di lavoro con circa 60 mila visite, seguito dai servizi sulla storia di Google, sull’emergenza della Borsa per l’epidemia cinese e dalle vicende legate alla Brexit.

A questo punto il traguardo dei 4 milioni di lettori al mese, che fino a qualche mese fa appariva solo un sogno, è ormai a un passo e diventa un obiettivo realisticamente alla portata di FIRSTonline. Obiettivo tanto più ragguardevole se raggiunto, come nel nostro caso, con i bilanci in ordine e senza provvidenza pubblica alcuna e con una squadra di professionisti intergenerazionale e numericamente ridotta, ma dotata di elevata competenza professionale e di grande passione per il buon giornalismo, inteso prima di tutto come missione civile.

Commenta