Condividi

Expo 2015: il ruolo di Tim, Finmeccanica e Samsung

Tim fornirà infrastrutture e soluzioni tecnologiche, oltre a collaborare all’accoglienza ospiti e partecipanti dai diversi Paesi – Selex ES, del gruppo Finmeccanica, ha realizzato un centro operativo per monitorare l’evento sotto il profilo della sorveglianza e della sicurezza – Samsung si dedicherà invece all’intrattenimento educativo.

Expo 2015: il ruolo di Tim, Finmeccanica e Samsung

Tra 45 giorni sarà inaugurata l’Expo 2015 di Milano, dedicata al tema “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita” (primo maggio-31 ottobre). Oltre ai 130 ristoranti e ai contenuti delle decine di padiglioni nazionali e aziendali, delle organizzazioni internazionali e dei 9 cluster tematici (zone aride, isole, Mediterraneo, riso, cacao, caffè, frutta e legumi, cereali e tuberi, spezie) e alle mille iniziative che animeranno l’Expo, i circa 20 milioni di visitatori previsti potranno anche ammirare il meglio della creatività dell’architettura sostenibile contemporanea

Dall’italiano Michele De Lucchi, autore del padiglione Zero che racconta la memoria dell’umanità attraverso la storia del cibo, e del padiglione di Banca Intesa San Paolo, una struttura di quasi mille metri quadri realizzata con materiali riciclabili, all’archistar Daniel Libeskin che ha disegnato il padiglione del colosso cinese dell’immobiliare Vanke. Da non mancare il padiglione giapponese dello studio Ishimoto, quello della Spagna degli architetti Fermin Vazques e lo spettacolare padiglione degli Emirati Arabi Uniti dell’inglese Norman Foster.



Molto interessanti anche quello del Kuwait, firmato dal milanese Italo Rota, e quello del Barhain, costruito dalla lombarda Restaura su progetto dell’olandese Holtrop & Vogel. Infine, immancabile, l’enorme palazzo Italia dell’architetto Michele Molé dello studio Nemesi, tutto all’insegna del risparmio energetico: un edificio in grado di produrre il 50% del proprio fabbisogno energetico. 

I 4mila tra ingegneri, architetti, tecnici e operai impegnati nel mega-cantiere di Expo 2015 sono in corsa contro il tempo, con turni h 24, per consegnare il tutto in perfetto ordine all’inaugurazione del primo maggio, recuperando il troppo tempo perso per le diatribe organizzative e per le ben note vicende giudiziarie. In completamento anche il simbolo dell’Expo 2015: l’Albero della vita, alto 35 metri con una chioma di 45 in alluminio acciaio e vetro. Sorgerà al centro della Lake Arena, uno specchio d’acqua circolare di 90 metri di diametro con diverse fontane.

Così come il “Seme” d’arancia, in marmo bianco del Monte Altissimo delle Alpi Apuane, prodotta dalla storica ditta Henraux, ideato dallo scultore Emilio Isgrò, siciliano classe 1937. Ingrandito un miliardo e cinquecento milioni di volte il “Seme” sarà alto sette metri. “Qualcuno mi ha chiesto perché mi sono accontentato di ingrandire un minuscolo seme di quattro o cinque millimetri quasi invisibile, trascurando simboli italici già pronti per l’uso come il Colosseo o la Torre di Pisa – ha scritto Isgrò, presentando la sua opera sul Corriere della Sera dell’8 marzo scorso. – Ma il segreto italiano è tutto qui: far diventare grandi le piccole cose, non rimpicciolire le cose grandi”.

Arte, desing, innovazione e capacità organizzativa: l’Expo, sarà una vetrina di quanto di meglio ha da offrire l’Italia, e non solo nel campo dell’alimentazione. Lo scorso 25 febbraio abbiamo delineato il profilo generale di questo evento straordinario. Il 6 marzo con Enel e FCA-CNH e l’11 marzo con Intesa San Paolo abbiamo avviato la presentazione dei contributi essenziali al buon esito della manifestazione che stanno offrendo gli otto official global partner di Expo 2015.

Oggi concludiamo la carrellata con Tim, Finmeccanica e Samsung.

TIM

Tim, società per la telefonia mobile di Telecom Italia, fornirà infrastrutture e soluzioni tecnologiche innovative e metterà a disposizione la propria esperienza di operatore internazionale per accogliere ospiti e partecipanti dei diversi Paesi. La partnership con Expo 2015 prevede il supporto da parte di Telecom Italia allo sviluppo di una città sostenibile e intelligente – la Smart City del futuro – di cui il Sito Espositivo sarà un esempio. Nell’ambito del progetto Expo Milano 2015, Telecom Italia provvederà alla dotazione di infrastrutture di rete fissa, mobile e IT, alla fornitura di soluzioni tecnologiche di ultima generazione, comprendenti anche servizi di mobile-payment e mobile-ticketing e soluzioni Smart per i visitatori e le Pubbliche Amministrazioni, allo sviluppo e alla gestione del portale web, alla gestione dell’operatività e della manutenzione e all’erogazione dei servizi di connettività e traffico relativi a fonia e dati.

FINMECCANICA

Selex ES, società del Gruppo Finmeccanica, è il “Safe City & Main Operation Center Official Global Partner” di Expo 2015. Per garantire la protezione del sito espositivo, dei padiglioni e delle infrastrutture di Expo e la sicurezza dei visitatori e degli operatori dell’evento, Selex ES ha realizzato un centro operativo in grado di monitorare e supervisionare l’evento sotto il profilo della sorveglianza e della sicurezza; un sistema di comunicazioni sicure per gli operatori professionali, basato su tecnologia TETRA; una rete di sistemi di sicurezza per offrire una efficace protezione di persone, luoghi e infrastrutture. 

Il centro operativo è basato su un’architettura in grado di elaborare informazioni eterogenee e raccoglierà e metterà in correlazione i dati provenienti dai diversi sensori dispiegati sul campo per trasformarli in una visione complessiva del contesto dell’esposizione, integrando i flussi di informazioni per renderli fruibili agli operatori di Expo 2015. Il quadro d’insieme – fornito 24 ore su 24 – potrà in tal modo essere di supporto alle decisioni per la gestione e localizzazione del personale addetto alla sicurezza, per il monitoraggio dell’area espositiva, per la prevenzione e gestione di eventuali emergenze. Gli addetti del centro operativo potranno avvalersi inoltre di un’innovativa rappresentazione satellitare cartografica in 3D, realizzata grazie al contributo di e-GEOS, società costituita da Telespazio (80%) e Agenzia Spaziale Italiana (20%), specializzata in prodotti e applicazioni per l’osservazione della Terra.

L’interfaccia grafica avanzata consentirà una immersione virtuale nell’ambiente da monitorare, garantendo una migliore comprensione dello scenario e quindi una maggiore efficacia operativa. Il centro operativo di controllo e sicurezza sarà collegato ai vari sottosistemi presenti nei padiglioni di quei partecipanti ad Expo 2015 che hanno scelto di rivolgersi a Finmeccanica-Selex ES per la gestione della sicurezza. 

Anche i sistemi di comunicazione sicura fanno parte del “pacchetto di sicurezza” su cui potrà contare l’Esposizione Universale: trasmissione di voce basata su tecnologia TETRA, comprendente oltre 400 terminali. 

Infine un’articolata rete di sistemi di sicurezza sul campo veglierà sull’ordinato svolgimento di tutte le attività dell’Esposizione. Videosorveglianza lungo il perimetro e all’interno del sito (con circa 1.000 telecamere), oltre 1.000 sensori di rilevazione fumo/incendio, più di 2.000 sistemi di annunci al pubblico per la gestione delle emergenze.

SAMSUNG 

Samsung Electronics, un brand presente in 79 Paesi del mondo, tra i leader globali dell’elettronica di consumo, è il partner di Expo 2015 per il cosiddetto eduteinment, l’intrattenimento educativo che permetterà ai visitatori di approfondire il tema dell’evento attraverso decine di schermi che proietteranno giochi e filmati interattivi.

Commenta