Condividi

Dazi e Nato: Mattarella non cede a Trump

Mattarella ha definito “dannosi e controproducenti” i dazi annunciati da Trump contro l’Ue e ha ribadito l’importanza della Nato come “comunità della Nato” – Netta anche la posizione sull’intervento della Turchia in Siria

Dazi e Nato: Mattarella non cede a Trump

Dazi, soldi alla Nato, intervento della Turchia contro i curdi in Siria. Italia e Stati Uniti non sono d’accordo su questi tre fronti e il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, non ha fatto sconti al numero uno americano, Donald Trump, nella sua visita di due giorni a Washington. Il tutto, ovviamente, ribadendo più volte “l’amicizia atlantica”, mai in discussione.

In particolare, Mattarella ha definito “dannosi e controproducenti” i dazi annunciati da Trump contro l’Ue come ritorsione dopo la condanna del Wto per i finanziamenti ad Airbus. Il Presidente italiano ha sollecitato “un metodo collaborativo” che eviti “uno scambio di provvedimenti ritorsivi”, anche perché, tra qualche mese, arriverà la sentenza del Wto sul sostegno americano a Boeing. Risposta di Trump: “L’Europa è stata scorretta con Airbus e adesso siamo pari”. Poi però ha anche aggiunto: “Non vogliamo essere duri con l’Italia, vedremo di affrontare l’argomento”.



Per quanto riguarda ciò che sta accadendo nel Nord della Siria, “quello della Turchia è stato un grave errore che l’Italia ha condannato senza esitazioni – ha sottolineato Mattarella – Ma la soluzione non sta nelle sanzioni, che pure saranno inevitabili. La soluzione sta nello stop delle operazioni militari e nel ritiro della Turchia”. Un’implicita condanna alla decisione americana di ritirare le truppe dalla regione.

Parlando poi della Nato, Mattarella ha ricordato poi che “è una comunità di valori” in cui l’Italia rappresenta attualmente il quinto contributore: il secondo per quanto riguarda le missioni militari.

Nessuna indicazione invece sulla Web Tax italiana, oggetto delle minacce di Trump: “Non ne abbiamo discusso, è un problema importante ma vi sono adeguate sedi internazionali per affrontare questo tema”, ha detto Mattarella.

Commenta