Condividi

Borse, dollaro, Bitcoin, petrolio, dividendi: sale tutto

In attesa del summit dei banchieri centrali di Jackson Hole, la settimana si apre all’insegna dell’ottimismo: i future segnalano Wall Street in rialzo – Ma crescono anche il dollaro, il Bitcoin, il petrolio e il monte dividendi aumenta

Borse, dollaro, Bitcoin, petrolio, dividendi: sale tutto

LE BORSE TORNANO A CORRERE. BOOM DELL’EXPORT COREANO
DOLLARO E BITCOIN SUPERSTAR, PETROLIO IN RIPRESA

Nessun nuovo caso da segnalare. Per la prima volta dall’inizio di luglio il bollettino cinese sul Covid-19 non registra nuovi casi. Dal Giappone arrivano segnali discreti, se non buoni, sulla manifattura. Ma il varo messaggio di conforto giunge dalla Corea del Sud: nei primi venti giorni di agosto le esportazioni sono salite del 41%, quelle verso gli Stati Uniti del 50% e quelle verso la Cina di oltre un terzo. Il dato ha una valenza positiva non solo per le prospettive dell’economia coreana, ma è anche la conferma che la domanda globale torna a correre. Sono questi gli ingredienti dell’ottimismo con cui si apre la settimana degli incontri di fine estate dei grandi banchieri.

TOKYO E SEUL IN SALITA, RECUPERA SHANGHAO

  • Avvio positivo per tutti i mercati: salgono le azioni e le materie prime. Il dollaro torna ad indebolirsi e salgono anche quasi tutte le criptovalute.
  • L’indice Bloomberg Asia Pacific guadagna l’1,5%, il Nikkei di Tokyo l’1,7% (ma -3,4% la scorsa settimana). Kospi di Seul +1,8%.
  • Ripartono anche le Borse cinesi che nell’ultimo mese hanno lasciato sul terreno 660 miliardi di dollari, specie per le vendite sui titoli tech. L’indice Hang Seng di Hong Kong rimbalza dai minimi di periodo toccati venerdì: +1,8%. Alcuni dei suoi pesi massimi salgono: Tencent +3%, Baidu +3%. Ma Alibaba perde il 2% ed arriva al nono ribasso consecutivo. L’indice di riferimento della borsa di Hong Kong è entrato nell’area orso, ovvero, quella che sta il 20% sotto i massimi di periodo, in questo caso toccati a febbraio.
    Il CSI 300 dei listini di Shanghai e Shenzen è in rialzo dello 0,8%,
  • Sale anche il BSE Sensex di Mumbai + 0,5%. Non pesa la tragedia di Kabul.

IN RIALZO ANCHE I FUTURE DI WALL STREET

I future di Wall Street stamane sono in rialzo, quello del Nasdaq dello 0,4%. Sempre vicini ai massimi i valori del dollaro. Treasury Note a dieci anni a 1,27%, +1 punto base. Oro a 1.788 dollari, +0,3%. Il petrolio WTI risale dopo una delle peggiori settimane dell’ultimo anno( -9%): stamattina il greggio del Mare del Nord guadagna l’1,7% a 63,2 dollari.

PAYPAL ACCETTERA’ LE CRIPTOVALUTE

Il bitcoin è tornato sopra il 50.000 dollari, +2% rispetto alla chiusura e +70% dai minimi di luglio. PayPal ha anticipato nel fine settimana a CNBC che a breve, anche gli utenti britannici potranno impiegare valute digitali per le loro transazioni, così come già avviene negli Stati Uniti.

AL VIA IL VERTICE DEI BANCHIERI A JACKSON HOLE

L’attenzione dei mercati è concentrata su Jackson Hole, il resort del Wyoming dove a fine agosto si riuniscono i banchieri centrali in omaggio alla tradizione inaugurata da Paul Volcker, appassionato pescatore di trote. Sarà l’occasione per avviare una nuova fase della politica monetaria, basata sulla progressiva riduzione degli acquisti delle banche centrali che, secondo le previsioni, potrebbero cessare del tutto a metà 2022. Pandemia permettendo, però. Il presidente della Fed Jerome Powell, in odore di rinnovo del mandato visto l’appoggio garantito da Janet Yellen, affronterà anche altri dossier, climate change in testa. Nel frattempo, complice l’attuale livello infimo dei tassi, i fondi azionati Usa hanno registrato il maggiore afflusso da nove settimane.

I DIVIDENDI MONDIALI 1.390 MILIARDI DI DOLLARI

I dividendi tornano a correre: secondo un report di Henderson, a livello mondiale le cedole ammonteranno quest’anno a 1.390 miliardi di dollari, solo il 3% in meno dei livelli pre-pandemia.

Sul fronte politico comincia nel clima peggiore la prima missione internazionale della vicepresidente Kamala Harris, da oggi in Vietnam e a Singapore. Difficile non segnalare il ricordo della fuga da Saigon evocato dal dramma dei profughi che tentano la fuga da Kabul.

OGGI GLI INDICI PMI , IN ARRIVO DI PIL DI GERMANIA E USA

L’altro appuntamento clou sarà l’uscita stamane degli indici pmi delle principali economie: Asia, Eurozona, Regno Unito più l’indice Ism oltre al dato della fiducia degli europei. Il test è particolarmente atteso per l’Eurozona che a fine luglio ha registrato la crescita più brillante in termini percentuali dall’inizio del millennio. Una conferma su questi livelli sembra difficile, vista la crescita dei contagi. Ma l’area euro dovrebbe essere ancora la più dinamica. Domani si conoscerà il dato del Pil tedesco del secondo trimestre; giovedì il Pil americano e le minute della riunione del Consiglio direttivo della Bce. Venerdì, infine, l’Istat diffonderà i dati sulla fiducia dei consumatori e delle imprese ad agosto 2021.

Ad un mese dal voto si va scaldando il clima elettorale in Germania, il passaggio chiave per la politica in sede comunitaria. La Cdu-Cdu, orfana di Angela Merkel, sembra in grave difficoltà, né brillano i Verdi. In recupero i socialdemocratici, pronti ad occupare lo spazio politico del centro. Un sondaggio pubblicato dalla Bild vede conservatori e socialdemocratici al 22%.

Da seguire anche il dato Pmi del Regno Unito, in frenata sia a giugno che a luglio: comincia a pesare in maniera rilevante l’assenza, causa la Brexit, di manodopera specializzata in varie attività.

OGGI LA FDA PROMUOVE I VACCINI PFIZER/MODERNA

Giornata importante oggi per i vaccini. La Food and Drug Administration potrebbe concedere oggi la piena approvazione del farmaco Pfizer/BioNTech.

MPS: “INDISCREZIONI” SULL’AUMENTO DA 3 MILIARDI

A Piazza Affari riflettori ancora puntati su Mps dopo che la banca su richiesta di Consob ha precisato che le notizie su un aumento di capitale di 3 miliardi sono “indiscrezioni che non trovano alcun riscontro in iniziative attivate dalla banca”. Non pare una smentita, anche perché la stessa Mps ha già annunciato un deficit di capitale di 2,5 miliardi in caso di mancata fusione.

One thought on “Borse, dollaro, Bitcoin, petrolio, dividendi: sale tutto

Commenta