Condividi

Banco BPM: 25 milioni per il Credito Sportivo

Banco BPM ha approvato un finanziamento di 25 milioni da destinare al settore dello sport per i prossimi 5 anni – Con l’obiettivo di sostenere tutte le associazioni sportive nella fase della ripartenza post- Covid

Banco BPM: 25 milioni per il Credito Sportivo

Banco BPM investe nel sistema sportivo italiano. Il Gruppo bancario ha approvato una linea di credito di 25 milioni di euro, per i prossimi 5 anni, a favore dell’Istituto per il Credito Sportivo – banca sociale per lo sviluppo sostenibile dello Sport e della Cultura – per supportare tutte le associazioni sportive messe in ginocchio dall’emergenza sanitaria.

Si tratta di un’operazione importante per la crescita e lo sviluppo del sistema Paese, il cui finanziamento sarò destinato principalmente alla costruzione e alla riqualificazione dell’impiantistica sportiva e allo sviluppo e alla promozione della cultura.



Inoltre, tale finanziamento sarà anche destinato alla concessione di mutui per far fronte alle esigenze di liquidità, a seguito dell’emergenza epidemiologica da Coronavirus, del mondo dell’associazionismo sportivo e delle società sportive dilettantistiche.

Tale iniziativa conferma l’impegno del Banco BPM a sostenere le iniziative utili allo sviluppo economico e sociale nei territori in cui opera, con particolare attenzione alla sostenibilità e all’ambiente.

“L’operazione di finanziamento, della durata di 5 anni – afferma Francesco Minotti, Responsabile Direzione Istituzionali Enti e Terzo Settore di Banco BPM – conferma la fattiva collaborazione tra le due istituzioni bancarie, già avviata negli scorsi anni e si inserisce concretamente nell’alveo del continuo sostegno al tessuto economico e sociale italiano che da sempre la nostra banca porta avanti”.

Graziano Graziapleana, il Responsabile del Servizio Amministratore e Finanza del Credito Sportivo, ha invece dichiarato che questo finanziamento “consente all’Istituto di reperire risorse da destinare al finanziamento delle infrastrutture sportive e culturali che rappresentano un settore strategico per lo sviluppo economico e la crescita sociale del Paese”.

Commenta