Azioni Brembo, quotazioni del titolo BRE in Borsa

Tutto quello che c’è da sapere per rimanere aggiornati sul mercato finanziario. Informazioni, andamento e grafico in tempo reale sulle quotazioni in borsa dei maggiori titoli sui listini mondiali.

Freno Brembo

Codice ISIN: IT0005252728
Settore: Filiera di fabbricazione
Industria: Ricambi auto originali


Le azioni di Brembo sono quotate alla Borsa di Milano con il ticker BRE.

Guarda lo storico della quotazione del titolo alla Borsa di Milano

Descrizione Azienda

Brembo è un’azienda italiana che opera nel settore dello sviluppo e della produzione di impianti frenanti per veicoli. L’azienda è leader mondiale e innovatore riconosciuto della tecnologia degli impianti frenanti a disco per veicoli. Brembo produce dischi freno, pastiglie, moduli, pinze, pompe freno e sistemi frenanti completi per auto, moto, veicoli commerciali, auto e moto da corsa.

Il quartier generale è a Stezzano.

Brembo opera in 15 Paesi di 3 continenti, con 29 siti produttivi e sedi commerciali, contando su oltre 12.000 persone.

L’azienda è attiva come fornitore nel settore di corse sportive. Ha in bacheca oltre 500 campionati mondiali vinti.

Brembo possiede i seguenti marchi:

  • Brembo
  • Brembo Racing
  • Ap
  • Ap Racing
  • Marchesini
  • ByBre
  • Breco
  • J.Juan
  • SBS Friction

Brembo è quotata dal 1995 alla Borsa di Milano dove è presente nell’indice FTSE Italia Mid Cap. L’azienda è controllata dalla famiglia Bombassei. Il capitale sociale ammonta a €34.727.914 Euro ed è costituito da 333.922.250 azioni.

L’azionariato è così composto:

  • Alberto Bombassei (Nuova Fourb Srl), 53,52%
  • Sprucegrove Investment Management Ltd., 3,17%
  • Capital Research & Management Co. (World Investors), 3,10%
  • Brembo Spa, 3,00%
  • Mawer Investment Management Ltd., 1,64%
  • The Vanguard Group, 1,18%

Il fatturato nel 2020 è stato di 2.208,6 milioni di euro.

Ad aprile 2020 l’azienda di Bombassei entra nell’azionariato di Pirelli acquistandone il 2,4% del capitale. Oggi Brembo possiede il 4,78% di Pirelli.

Società e partecipate di Brembo:

Approfondimento economico e finanziario dell’azienda

Brembo viene fondata nel 1961 da Emilio Bombassei, padre dell’attuale Presidente, a pochi chilometri da Bergamo, come una piccola officina meccanica.

Nel 1964 l’azienda inizia a produrre i primi dischi freno diretti al mercato del ricambio. Comincia a produrre anche gli altri componenti del sistema frenante.

La qualità dei prodotti e dei servizi dell’azienda cominciano ad essere riconosciuti in campo internazionale.

Nel 1972 nascono le prime pinze di serie Brembo.

Nel 1975 la scuderia Ferrari di Formula 1 affida all’azienda la fornitura dei sistemi frenanti.

Dall’inizio degli anni Ottanta, Brembo punta allo sviluppo di prodotti e processi tecnologici innovativi.

Nel 1983 entra nel capitale sociale dell’azienda la Kelsey-Hayes, multinazionale statunitense attiva nella produzione di impianti frenanti. A marzo 1993, la Kelsey-Hayes cede la propria partecipazione.

Nel 1995 Brembo viene quotata alla Borsa valori di Milano.

Gli anni duemila sono anni di grande espansione e aquisizioni. Nel 2000 acquisisce la società brasiliana Alfa Real Minas, per la lavorazione di dischi freno per auto e l’assemblaggio di volani. Compra la società inglese AP Racing Limited, specializzata nella produzione di impianti frenanti e sistemi frizione per vetture e motocicli da competizione e per vetture sportive ad alte prestazioni. Nel settore delle motociclette acquisisce il 70% della società Marchesini, specializzata nella realizzazione di ruote in magnesio per motocicli da competizione. ​Entra nel mercato cinese, grazie alla joint venture siglata con Yuejin Motor Group e alla costituzione della Società Nanjing Yuejin Automotive Brake System, per la produzione di sistemi frenanti per auto e veicoli commerciali.

Nel 2003 nasce Brembo Ceramic Brake Systems SpA, joint venture tra Brembo e il gruppo motoristico Daimler per lo sviluppo di dischi freno in carbonio ceramico. Da giugno 2009, a seguito di una joint venture con SGL Brakes GmbH, cambia nome divenendo Brembo SGL Carbon Ceramic Brakes.

Nel 2005 nasce KBX Motorbike Products Private Ltd., con sede a Pune, joint venture tra Brembo e la controllata indiana di Bosch, Kalyani Brakes Ltd., con l’obiettivo di produrre e vendere sistemi frenanti per motocicli.

Viene inaugurato, nel 2007, il nuovo Centro Ricerche e Sviluppo all’interno del Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso.

Nel 2008 acquisisce Sabelt, azienda produttrice di cinture di sicurezza e sistemi di sicurezza per l’infanzia.

Nel 2010, Brembo lancia in India il nuovo brand Bybre: il marchio destinato ai sistemi frenanti per cicli e motocicli di piccola e media cilindrata (fino a 600 cc).

Nel 2015 Sabelt viene ceduta e riacquistata dalla famiglia Marsiaj.

Nel 2016 porta a completamento l’acquisizione di ASIMCO Meilian Braking Systems, azienda produttrice di sistemi frenanti nell’area di Pechino per 86 milioni di euro.

Nel 2021 acquisisce SBS Friction, azienda danese, che sviluppa e produce pastiglie freno in materiali sinterizzati e organici per motociclette.

Le ultime notizie su Brembo
Alberto Bombassei presidente di Brembo

Brembo e Illycaffè: grosse novità in sala comando

Il fondatore di Brembo, Alberto Bombassei, ha annunciato che all’assemblea di metà dicembre lascerà la presidenza del gruppo: lo sostituirà il genero Matteo Tiraboschi con Daniele Schillaci Ceo – Novità anche ai vertici di Illycaffè la cui guida sarà affidata a Cristina Scocchia con l’obiettivo di portare la società della famiglia triestina in Borsa

euro in banconote (reddito di emergenza)

Brembo, trimestre record e 60 anni d’attività

Il fatturato tocca livelli mai raggiunti per il primo trimestre – Profitti più che raddoppiati su base annua. Bombassei: “Ripartenza robusta”

Alberto Bombassei presidente di Brembo

Brembo acquista il 2,4% di Pirelli e Camfin risponde

L’ingresso dell’azienda di Bombassei in Pirelli “non è speculativo” e può aprire nuovi scenari, ma Tronchetti Provera frena: “Il nostro percorso resta immutato e l’ingresso di Brembo conferma la bontà del lavoro fatto” – Intanto Camfin si allea con il cinese Niu per rafforzare la sua posizione in Pirelli

tempesta di soldi

Dividendi 2020 a rischio per coronavirus: fioccano gli stop

L’emergenza coronavirus sta spingendo diverse società quotate a sospendere la distribuzione del dividendo – In Italia stop da Brembo, Amplifon e Cattolica

Brembo marchio

Brembo: Daniele Schillaci nuovo Ad al posto di Marescotti

Ex vicepresidente esecutivo di Nissan, con esperienze di Renault, Fiat e Toyota, Schillaci dovrà essere confermato dall’assemblea dei soci in programma il 29 luglio