Condividi

Eca: Andrea Agnelli presidente

Il numero uno della Juventus è stato eletto, a Ginevra, dall’assemblea generale dell’associazione che raggruppa i club europei. E’ il primo italiano a ricoprire l’incarico che apre ora nuovi scenari

Eca: Andrea Agnelli presidente

Andrea Agnelli è il nuovo presidente dell’Eca (European club association). Lo ha deciso l’assemblea generale dell’associazione dei club europei riunita all’hotel presidente Wilson di Ginevra. Il numero uno della Juventus, primo italiano a ricoprire la carica di presidente Eca, succede a Karl-Heinz Rummenigge. L’incarico apre ora nuova scenari sulla permanenza di Andrea Agnelli alla guida della Juve, posizione che potrebbe lasciare per consacrarsi interamente al nuovo impegnativo ruolo internazionale.

Insieme ad Agnelli nell’Executive Board dell’Eca sono stati eletti Josep Maria Bartomeu, Nasser Al-Khelaifi, Ed Woodward, Peter Lawwell, Pedro López Jiménez, Michael Gerlinger, Ivan Gazidis, Jean-Michel Aulas, Domingos Oliveira, Edwin van der Sar, Michael Verschueren, Dariusz Mioduski, Anders Hørsholt & Aki Riihilahti.

Inoltre Agnelli e Gazidis (direttore esecutivo dell’Arsenal) rappresenteranno l’Eca nel Comitato Esecutivo dell’Uefa. L’assemblea generale dell’Eca ha anche assegnato la presidenza onoraria a Rummenigge che ha guidato l’associazione dei club europei sin dalla sua nascita nel 2008.

“Benissimo un italiano presidente dell’Eca, è una grande cosa. La sua elezione aiuta sicuramente il nostro sistema sportivo ad avere ancora più prestigio”, dice il presidente del Coni, Giovanni Malagò. “Oltre a essere un italiano – aggiunge Malagò a margine della presentazione dei campionati del mondo militari di scherma al Circolo degli Ufficiali delle Forze Armate a Roma – è il presidente di un club la cui storia conosciamo benissimo, un caso quasi unico al mondo, un simbolo della partecipazione di un nucleo familiare attorno a una squadra”.

“L’elezione di Andrea Agnelli, al quale rivolgo i miei complimenti conferma il ruolo di primo piano dell’Italia del calcio nel panorama internazionale e rappresenta una meritata gratifica personale”, dice il presidente della Figc, Carlo Tavecchio. “Sono certo che saprà ricoprire al meglio un incarico così prestigioso e che, alla guida dell’Eca, darà un prezioso contributo alla promozione del calcio italiano ed europeo nel Mondo”, aggiunge il numero uno del calcio italiano in una nota.