Condividi

Ubi Banca-Airc: raccolti più di 4 milioni per la ricerca sul cancro

La partnership, rinnovata fino al 2019, ha consentito negli anni la raccolta fondi in occasione della campagna “I Giorni della Ricerca” e il sostegno ad AIRC attraverso due social bond, i contributi di clienti e dipendenti e le retrocessioni derivanti dall’utilizzo di Carta Enjoy social edition.

Ubi Banca-Airc: raccolti più di 4 milioni per la ricerca sul cancro

Dal 2013 a oggi il complesso delle iniziative promosse da UBI Banca per sostenere AIRC ha generato un contributo di oltre 4 milioni di euro destinati a finanziare progetti di ricerca condotti da giovani ricercatori under 40. In occasione de “I Giorni della Ricerca” (30 ottobre – 5 novembre), in cui l’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro comunica i risultati e le sfide della ricerca oncologica e raccoglie nuove risorse, UBI Banca e AIRC confermano una partnership che si è dimostrata in grado di aggregare le persone attorno all’obiettivo di rendere il cancro sempre più curabile e di sensibilizzare la popolazione sui temi della prevenzione.

La campagna di sensibilizzazione “UBI per AIRC” coinvolgerà dal 6 novembre tutte le filiali del Gruppo UBI con la distribuzione de “I Cioccolatini della Ricerca”: a tutti coloro che effettueranno una donazione di almeno 10 euro sarà offerta una confezione di cioccolatini. Saranno coinvolte, per la prima volta, tutte le filiali appartenute alle banche acquisite da UBI a maggio di quest’anno e presenti in Toscana, Umbria, Marche e Abruzzo e Lazio. UBI Banca inoltre destinerà all’Associazione specifiche erogazioni legate all’emissione e attivazione della carta Enjoy AIRC, mentre i Clienti avranno la possibilità, con la funzione “invio denaro” dell’app UBI Pay, di effettuare donazioni dal proprio smartphone tramite il circuito Jiffy di SIA. UBI ha sostenuto in questi anni AIRC anche grazie al collocamento di due Social Bond, nel 2013 e nel 2015, e alle donazioni volontarie dei dipendenti tramite trattenute in busta paga (payroll giving).

Commenta