Condividi

Terrorismo davanti all’Europarlamento: sangue su Strasburgo

Il terrorismo si riaffaccia nel cuore dell’Europa e un killer colpisce a morte nei mercati di natale a Strasbrugo, costringendo gli europarlamentari ad asserragliarsi

Terrorismo davanti all’Europarlamento: sangue su Strasburgo

Attentato terroristico al mercatino di Natale di Strasburgo. Nella città francese che ospita una delle sedi del Parlamento europeo, un uomo ha sparato sulla folla fra le luci delle bancarelle, intorno alle 8 di sera. Le vittime sono almeno tre; 12 i feriti, tra cui anche un italiano, un giovane giornalista radiofonico. Sette sarebbero in gravi condizioni, pare non il ragazzo italiano.

L’omicida, secondo le prime ricostruzioni, avrebbe sparato diversi colpi nella rue del Grandes Arcades, vicino alla centralissima Place Kleber, dove si trova il mercatino e si sarebbe poi dato alla fuga in direzione della Grande Rue, dove testimoni avrebbero udito altri spari. I presenti si sono dati alla fuga tra scene di panico.
L’attentatore è stato identificato, ma per il momento è ancora in fuga. Era finito già in carcere in passato per aggressione. In seguito era stato segnalato come elemento radicalizzato e come minaccia per la sicurezza nazionale. Si chiama Cherif C., 29 anni, di origini nordafricane ma nato a Strasburgo.



[smiling_video id=”69401″]

[/smiling_video]

Per prenderlo la polizia ha messo in piedi una caccia all’uomo imponente: ben 600 uomini. In casa sua la polizia ha ritrovato materiale esplosivo nel corso di una perquisizione avvenuta prima dell’attentato. Cherif era infatti già ricercato ed era sfuggito all’arresto ieri mattina.

[smiling_video id=”69414″]

[/smiling_video]

A Strasburgo è la settimana più affollata, quella che oltre ai turisti vede arrivare in città tutto il personale del Parlamento europeo per la plenaria mensile. Molti gli eurodeputati, anche italiani, che si sono ritrovati bloccati dentro i ristoranti e i bar. Mentre il parlamento è stato blindato, su ordine del presidente Antonio Tajani, e tantissime persone sono rimaste chiuse nel palazzo.

“Il Parlamento europeo reagisce con forza di fronte la violenza dei terroristi per dimostrare che non ci facciamo intimorire da chi vuole sconvolgere l’ordine democratico e colpire la libertà, l’Europa durante le feste natalizie”. Il presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, commenta così l’attacco ai mercatini di Natale a Strasburgo.

Commenta