Condividi

Sole 24 Ore: ancora tagli, ma non cede gli asset

Il piano del nuovo Ad Moscetti punta a risparmiare attraverso il taglio di 37 esuberi su 230 giornalisti e alla fine dei contratti con alcune agenzie di stampa – Il formato del quotidiano sarà ridotto – L’obiettivo è quello di attirare nuovi soci.

Sole 24 Ore: ancora tagli, ma non cede gli asset

Nessuna cessione, ma taglio dei costi e ridefinizione del quotidiano. Sarebbero questi, secondo fonti di stampa, i punti centrali del piano industriale triennale che il nuovo Ad de Il Sole 24 Ore Franco Moscetti presenterà lunedì 20 febbraio al CdA per rilanciare il giornale, alle prese con pesanti difficoltà finanziarie.

Stando alle indiscrezioni, uno degli obiettivi di Moscetti sarebbe la riduzione di formato del quotidiano, con meno pagine ed a numero quasi fisso.



Il taglio dei costi, invece, passa anche per il taglio del personale: l’accordo con il Cdr prevede 37 esuberi su 230 giornalisti, a regime entro la fine di gennaio 2018. L’intesa prevede la cig a rotazione (2 giorni al mese) per tutti, in attesa di 28 prepensionamenti che entreranno in cassa integrazione a zero ore già a partire dal 1 marzo; oltre a 9 uscite volontarie o pensionamenti. Un accordo che permetterebbe di risparmiare circa 10 milioni di euro, a cui si aggiungerebbero i tagli dei contratti con alcune delle agenzie di stampa.

Come detto, il piano non prevede la cessione di asset, anche se si punterà a favorire l’ingresso di nuovi soci. Un ingresso che comporterebbe, di conseguenza, la diluizione della quota di controllo dell’azionista di maggioranza, Confindustria, che potrebbe scendere dal 67% attuale fino al 51%.

Commenta