Condividi

Prysmian punta alla leadership nei cablaggi di parchi eolici offshore

Prysmian punta ad espandersi ulteriormente nell’eolico

Prysmian punta alla leadership nei cablaggi di parchi eolici offshore

Prysmian Group, società attiva nel settore dei sistemi in cavo per l’energia e le telecomunicazioni, punta ad espandere ulteriormente la presenza nel settore degli impianti eolici offshore con una gamma ampliata di prodotti e servizi, che presenta in occasione dell’edizione 2017 dell’Offshore Wind Energy, la più importante esposizione e conferenza di settore, in programma a Londra dal 6 all’8 giugno (stand N – J10).

Alla luce delle importanti prospettive di crescita del settore eolico offshore, Prysmian ha deciso di rafforzare ulteriormente l’impegno verso questo mercato strategico con un piano di investimenti che nel 2016 -2017 supera i 60 milioni di euro tra ampliamenti di capacità produttiva di cavi e nuovi assets per l’installazione, il monitoraggio e la manutenzione delle reti. “Intendiamo sfruttare appieno il nostro potenziale sul mercato dell’eolico offshore, diventando un leader indiscusso capace di operare come “one-stop-shop” per clienti, gestori di reti di trasmissione e developers” ha sottolineato Massimo Battaini, SVP Energy Projects di Prysmian Group.

Prysmian fornisce sistemi in cavo “chiavi in mano”, assicurando un approccio EPCI (Engineering, Procurement, Construction & Installation) a 360°. Il Gruppo è in grado di offrire soluzioni integrate e servizi, che includono l’ingegnerizzazione, la produzione, l’installazione, il monitoraggio/diagnostica e la manutenzione dei sistemi in cavo. Grazie a tre navi posacavi (Giulio Verne, Cable Enterprise e Ulisse), la più ampia gamma di capacità di installazione all’avanguardia e macchine per l’interro (Sea Mole, Hydroplough, Otter e aratro sottomarino HD3) e ai tre impianti specializzati nella produzione di cavi sottomarini (Pikkala in Finlandia, Drammen in Norvegia, Arco Felice in Italia), il Gruppo è pronto a diventare il riferimento del settore.

Recentemente il Gruppo ha inoltre annunciato l’ampliamento di capacità dell’impianto produttivo britannico di Wrexham che potrà realizzare anime di cavi sottomarini sia a 33 kV che a 66 kV destinati ai collegamenti in cavo inter-array per parchi eolici offshore confermando il piano di investimenti per espandere ulteriormente l’attività, sostenere l’occupazione locale e fornire alla prossima generazione di parchi eolici offshore britannici ed europei cavi prodotti nel Regno Unito. La nuova linea consentirà di realizzare i collegamenti che trasporteranno l’energia generata dalle turbine eoliche offshore e la immetteranno successivamente nella rete elettrica onshore.

Prysmian sarà presente a Offshore Wind 2017 con un ampio portafoglio di prodotti e servizi, che include in particolare il nuovo sistema in cavo a 66 kV per reti eoliche offshore inter-array che consente di raddoppiare la quantità di energia trasportata rispetto al sistema a 33 kV, nonché di ridurre fino al 15% gli investimenti complessivi necessari per un parco eolico offshore. L’Offshore Wind Energy 2017 coincide con un momento molto importante per il Gruppo, che ha recentemente annunciato il completamento del parco eolico offshore Wikinger in anticipo sui tempi previsti e l’aggiudicazione di due nuovi contratti per parchi eolici offshore in Germania (Merkur) e Danimarca (Horns Rev 3). Prysmian si è inoltre aggiudicata recentemente un contratto del valore di oltre €300 milioni con la Réseau de Transport d’Électricité (RTE) per la realizzazione dei sistemi in cavo sottomarino per i collegamenti di tre parchi eolici offshore con la rete elettrica francese.

Commenta