Condividi

Napolitano nomina Colao, Ghizzoni e Greco Cavalieri del Lavoro

Tra 25 nominati, oltre ai tre top manager di Vodafone, Unicredit e Generali anche Rosita Missoni e il figlio del patron di Luxottica. La lista dei premiati

Napolitano nomina Colao, Ghizzoni e Greco Cavalieri del Lavoro

Oggi il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha insignito dell’onoreficienza di cavaliere del Lavoro 25 personalità italiane che si sono distinti nei diversi settori dell’economia, contribuendo allo sviluppo sociale, occupazionale e tecnologico e alla crescita del prestigio del  made in Italy. 

Tra i nomi più altisonanti dei nuovi Cavalieri della Repubblica compare Vittorio Colao, Ceo del gruppo Vodafone, che ha sede a Londra ed e’ la seconda compagnia di telefonia mobile su scala mondiale, con 252 milioni di clienti. Colao e’ uno dei manager italiani piu’ in vista, proprio perche’ guida un colosso internazionale che tra l’altro e’ atteso a una corposa campagna acquisti nei prossimi mesi. Per quanto riguarda il mondo della finanza, premiato Federico Ghizzoni (amministratore delegato di Unicredit), che coniugando una forte attenzione al rischio e agli interventi sul lato dei costi con un costante impulso all’innovazione, ha messo a punto per il 2014-2018 un piano strategico che prevede 4,5 miliardi di euro di investimenti su precisi progetti di trasformazione del gruppo.



E’ poi un nuovo Cavaliere del lavoro Mario Greco, dal 2012 è Group Ceo di Assicurazioni Generali, compagnia leader in Italia – dove è attiva dal 1831 – e una delle più importanti realtà assicurative e finanziarie internazionali. Il Gruppo amministrato da Greco vanta una presenza significativa in più di 60 paesi e occupa 77.000 dipendenti.

E’ stato inoltre premiato anche Marco Jacobini, presidente e ad della Banca Popolare di Bari, istituto che coltiva uno stretto legame con il territorio di riferimento, sostenendo numerose iniziative per la conservazione e lo sviluppo del patrimonio naturale e artistico.

Tra i volti noti di queste premiazioni c’è anche il figlio del patron di Luxottica Claudio Del Vecchio. Presidente e amministratore delegato di Brooks Brothers Group, Del Vecchio ha rilanciato lo storico marchio di camicie indossate da Warhol, da Gatsby e dai Kennedy e ha creato intorno al brand un gruppo manifatturiero e commerciale diversificato che opera con un portafoglio di aziende specializzate nel settore della moda, di cui fanno parte – oltre a Brooks Brothers – Southwick e Carolee Designs. 

Infine, sempre nel campo della moda, è stata insignita dell’onoreficienza di Cavaliere del Lavoro Jelmini Rosita Missoni. Nella sua carriera ha ricevuto molteplici e prestigiosi riconoscimenti artistici, accademici e del mondo della moda a livello nazionale e internazionale, tra cui spicca nel 1973 il “Neiman Marcus Fashion Award”, premio equivalente all’Oscar per la moda. Oggi Missoni rappresenta un’eccellenza del “made in Italy” ed è una delle protagoniste assolute del successo della moda italiana nel mondo, da 61 anni alla guida di Missoni SpA. 

Commenta