Condividi

Mps, detentori Fresh 2008 infuriati per la conversione: dietrofront o 1 miliardo di danni

Gli obbligazionisti del bond Fresh 2008 hanno depositato un esposto presso il Tribunale competente del Lussemburgo per contestare l’inclusione del titolo nel burden sharing e dunque la conversione forzosa dei bond in azioni – Se il contratto non tornerà valido chiederanno 1 miliardo di euro di risarcimenti.

Mps, detentori Fresh 2008 infuriati per la conversione: dietrofront o 1 miliardo di danni

Non c’è pace per il Monte dei Paschi. Stavolta i problemi arrivano dal Lussemburgo, dove i detentori del bond Fresh 2008 hanno depositato un esposto presso il Tribunale competente allo scopo di contestare l’inclusione del titolo nel burden sharing. Quest’ultimo ha comportato infatti la conversione forzosa dei bond in loro possesso in azioni nell’ambito dell’operazione di ricapitalizzazione precauzionale effettuata da Rocca Salimbeni con il beneplacito della Commissione Ue.

La borsa al momento non sembra preoccupata da questa iniziativa e il titolo Mps, dopo varie sedute in rosso, viaggia attualmente in rialzo dell’8,7% a 3,638 euro. 

In una nota, i rappresentanti degli obbligazionisti “prendono atto che nella pubblicazione del prospetto Mps datato 24 ottobre 2017 certi contratti relativi al Fresh 2008 sono stati dichiarati cancellati per legge e che il Fresh 2008 sia da convertire su base contrattuale per lacune patrimoniali”.

In risposta a questo,“i rappresentanti dei bondholder hanno depositato un esposto presso il Tribunale competente in Lussemburgo contro Mps e altre parti coinvolte per stabilire che tali dichiarazioni unilaterali da parte di Mps non hanno basi legali e che i contratti relativi al Fresh 2008 dovrebbero restare validi”.

Nel caso in cui le loro richieste non venissero ascoltate, e dunque il bond non fosse più ritenuto valido, chiederanno un risarcimento danni da 1 miliardo di euro.

Il Financial Times spiega inoltre che “i portatori del Bond Fresh 2008 hanno avviato l’azione legale anche contro Mitsubishi, emittente del titolo, e JP Morgan che ha agito in qualità di arranger dell’emissione”, aggiungendo che gli investitori intendono citare anche la Commissione UE che ha dato il via libera alla conversione forzosa del bond Fresh 2008 in nuove azioni MPS.

Ricordiamo che il Governo ha stanziato 5,4 miliardi di euro per la ricapitalizzazione di Monte dei Paschi, diventandone primo azionista.

Commenta