Condividi

MORNINGSTAR. IT – Un dividendo alto non è sempre segno di salute di una società

DA MORNINGSTAR. IT – La quota di utili che le aziende distribuiscono ai soci è un buon indicatore della sostenibilità del dividendo ma è meglio studiare a fondo i fondamentali e fare attenzione a chi paga troppo. Il payout ratio ideale si colloca tra il 50% e il 70%. Per valutare la sostenibilità dei dividendi occhio a utili, riserve e investimenti

MORNINGSTAR. IT – Un dividendo alto non è sempre segno di salute di una società

Un po’ di matematica, tanto studio e un pizzico di buon senso. Sono questi in sintesi, secondo gli analisti di Morningstar, gli strumenti cui si devono affidare gli investitori che vanno a caccia di rendimento inseguendo i dividendi. Il primo elemento è necessario per analizzare il payout ratio di una società. In pratica si tratta del tasso di dividendi pagati da un’azienda, diviso per i suoi utili. Un esempio comodo può essere quello di una società che ha una cedola di due euro (una cifra usata per praticità di calcolo) e ha utili per 5 euro ad azione. Dividendo due per cinque si ottiene 0,4 (o un payout ratio del 40%).

“Questo di solito è un indicatore un po’ più preciso sulla capacità di una società di dare valore agli azionisti rispetto al rendimento che è più legato al prezzo del titolo”, spiega Josh Peters, responsabile delle analisi sulle strategie di investimento legate all’equity di Morningstar. “Anche il payout ratio lo è, ma è anche in grado di dare una foto più completa sulla porzione di utili che l’azienda distribuisce ai suoi soci e sulla sua capacità di mantenerla o di farla crescere”. E qui entra in gioco il buon senso e lo studio delle società. “Tutte le analisi storiche ci dicono che un payout ratio superiore al 60% non può essere mantenuto a lungo da una società, per cui un valore di quel tipo dovrebbe essere considerato un campanello di allarme per gli investitori che cercano rendimento nel lungo periodo”.



LEGGERE I LIBRI

Un approccio di questo tipo sembra scontrarsi con la realtà di mercati – ad esempio quello Usa – dove ci sono alcune aziende che, da anni, sono in grado di distribuire agli azionisti l’80% degli utili. “L’analisi, soprattutto in questi casi, non può fermarsi al dato percentuale”, dice Peters. “altri elementi da prendere in considerazione sono la stabilità degli utili nel corso degli anni, quali sono stati i risultati di bilancio nei periodi di recessione, qual è la situazione debitoria e qual è l’entità delle riserve”. A volte, ad esempio, una società per mantenere la politica dei dividendi raccoglie denaro fresco attraverso emissioni obbligazionarie o attinge direttamente alla sua cassaforte. In entrambi i casi non è un buon segnale per chi ha visioni di medio e lungo periodo. “Tutti questi elementi ci dicono se l’azienda sarà in grado di mantenere alta la sua cedola anche in futuro”, dice l’analista di Morningstar. “Un altro fattore da considerare è se si tratta di un business che ha bisogno di grandi investimenti per restare al passo con i tempi o con il mercato di riferimento. Anche in questo caso la cedola ricca nel lungo periodo potrebbe non essere una priorità del management”.

IL GIUSTO VALORE

Ma quali sono i payout ratio che possono dare qualche certezza in più agli investitori in termini di sostenibilità nel tempo? “Ragionando solo in termini numerici, un valore compreso fra il 50% e il 70% di solito è quello ottimale”, dice Peters. “Un elemento importante, in questo caso è il segmento in cui lavora l’azienda. Le utility, ad esempio, hanno entrate stabili e sono in grado di garantire buone cedole nel corso del tempo. In settori più ciclici – e quindi più legati agli umori della congiuntura, invece, è meglio orientarsi sulla parte bassa della forchetta percentuale”. 


Allegati: Fonte: Morningstar.it

Commenta