Condividi

Manifattura: indice in lieve calo nell’Eurozona, Italia ai minimi

Il ritmo di crescita certificato dall’indice Pmi nell’Eurozona in lieve accelerazione a ottobre ma meno delle stime. Italia ai minimi da 17 mesi. Europa a due velocità

Manifattura: indice in lieve calo nell’Eurozona, Italia ai minimi

Il ritmo di crescita del settore manifatturiero nella zona euro ha mostrato in ottobre una lieve accelerazione, sebbene il calo della voce nuovi ordini lasci poco sperare per novembre. Le aziende hanno anche tagliato i prezzi per la seconda volta dallo scorso aprile, un primo taglio era già avvenuto a settembre.

L‘indice Pmi finale manifatturiero a cura di Markit è salito a ottobre a 50,6 da 50,3 di settembre, ma in calo rispetto alla stima flash di 50,7. L’indice resta dunque al di sopra della soglia di 50 che separa contrazione da crescita per il sedicesimo mese consecutivo.
Il sottoindice relativo ai nuovi ordini, che misura la domanda, si è attestato a 49,5, dal 49,3 di settembre.Il risultato conferma la doppia velocità della crescita economica nell’eurozona.



In Italia l’attività manifatturiera si è contratta a ottobre al minimo da 17 mesi, facendo sfumare le speranze maturate a settembre che la ripresa nel settore potesse imprimere slancio all’economia del Paese. 

L’indice Pmi è scivolato a ottobre a 49,0 da 50,7 di settembre, riportandosi di nuovo sotto la soglia di 50 che separa la crescita dalla contrazione. La lettura si è rivelata al di sotto di tutte le stime fornite da 13 analisti interpellati per il sondaggio Reuters, da cui emergeva un consensus per 50,7.

Il dato aggiunge tinte fosche al già poco confortante outlook dell’economia italiana, contrattasi di circa il 9% da quando, nel 2007, è scoppiata la crisi globale. Le previsioni del governo Renzi per quest’anno sono per un calo dello 0,3%.La Spagna invece  Il settore manifatturiero spagnolo si è espanso in ottobre per l’undicesimo mese di fila, anche se il ritmo di crescita dell’occupazione è calato, a dimostrazione del lieve rallentamento della ripresa economica del paese. L’indice Pmi è rimasto a 52,6, mentre la crescita dell’occupazione è scesa al minimo da cinque mesi. La crescita anche in Germania, Paesi Bassi e Irlanda controbilancia i dati negativi degli altri Paesi.

Commenta