Condividi

La pizza secondo Renato Bosco, un po’ artista un po’ scienziato

Il pizzaiolo veneto, che di recente ha aperto un nuovo locale nel suo paese natale, San Martino Buon Albergo, è uno degli sperimentatori della pizza contemporanea: attenzione alle materie prime e nuove tecniche di lievitazione e di cottura sono alla base della sua innovazione.

La pizza secondo Renato Bosco, un po’ artista un po’ scienziato

Pizzacrunch, mozzarella di pane, pizza bagel, pizza tonda senza lieviti aggiuntivi. Non è la solita pizza quella di Renato Bosco, pizzaiolo veneto classe 1967, che ha imbracciato la pala per la prima volta nel 1985, a soli 17 anni, lavorando in una delle tante pizzerie di emigrati campani al Nord. Da quel momento, partendo dalla tradizionale pizza napoletana, il suo è stato un viaggio alla ricerca di sapori diversi, dalla scelta attentissima delle materie prime a continue sperimentazioni su impasti, cotture e lievitazioni.

“Un po’ artista, un po’ scienziato”, dice di se stesso Bosco che ha così proposto al suo pubblico un approccio totalmente innovativo rispetto a una pietanza come la pizza: è praticamente un pizza-ricercatore che ha contribuito a inventare – in alcuni casi con tanto di marchio registrato – la pizza gourmet, o per meglio dire, più genericamente, la pizza contemporanea, che offre sfumature e note di sapore completamente nuove, sfruttando anche la stagionalità dei prodotti e le eccellenze italiane del territorio.

I nuovi piatti che Bosco serve nel suo nuovo locale Saporè, tutto dedicato alla degustazione della pizza, aperto a dicembre 2018 a San Martino Buon Albergo (suo paese natale, in provincia di Verona) nello storico edificio di Piazza del Popolo, risalente al 1754 e dove un tempo operava la confraternita di San Francesco, sono principalmente sei:

  • PIZZACRUNCH E PIZZADOPPIOCRUNCH, realizzate con impasto ricco d’acqua che ne determina la croccantezza;
  • ARIA DI PANE, il cui impasto, soffice e leggero, è realizzato con sola Pasta Madre Viva;
  • PIZZA BAGEL, nata dalla ricerca e contaminazione di altre culture, il bagel è una ricetta ebraica che Renato ha voluto reinterpretare in chiave pizza;
  • PIZZA TONDA SENZA LIEVITI AGGIUNTI realizzata attraverso il processo d’idrolisi del grano spezzato. Una pizza senza lievito dal sapore intenso di grano;
  • MOZZARELLA DI PANE è un piccolo panino d’ispirazione orientale estremamente morbido, cotto a vapore.

Il locale ha una superficie di 160 mq, è disegnato da artigiani locali e conta una sessantina di coperti, rendendo dunque l’ambiente elegante e intimo. E’ aperto dal martedì alla domenica: non manca una wine list pregiata per accompagnare la degustazione delle pizze e ci sono anche offerte per i più piccoli. Le materie prime sono scelte tra le eccellenze italiane con appartenenze al mondo SlowFood o certificazioni DOC, soprattutto legate ai piccoli produttori del territorio. Gli ingredienti vengono inoltre selezionati seguendo la stagionalità, “per dare al consumatore l’opportunità di alimentarsi secondo i ritmi della natura”, spiega lo stesso Bosco sul proprio sito.

“A spingermi è stata la curiosità, una curiosità quasi ‘dannata’”, spiega il ristoratore veneto, che negli anni non ha mai smesso di confrontarsi con tutti i settori che ruotano attorno ai lievitati per approfondire le molteplici tematiche relative alla panificazione e alla pasticceria. “Le sperimentazioni negli impasti e nelle lievitazioni sono continue: si cambiano dosi, ingredienti e combinazioni; si modulano tempi, temperature, valutando anche le condizioni ambientali”. La mission di Bosco è chiara: innovazione e salubrità associata al gusto.

0 thoughts on “La pizza secondo Renato Bosco, un po’ artista un po’ scienziato

Commenta