Condividi

Ilva, Gip boccia patteggiamento dei Riva

Il Gip di Milano ha respinto i patteggiamenti della famiglia Riva perché sono stati considerati troppo bassi sia le pene concordate con la Procura, sia la somma di 1,33 miliardi che Adriano, Fabio e Nicola devono far rientrare in Italia a beneficio del risanamento dell’Ilva.

Ilva, Gip boccia patteggiamento dei Riva

I patteggiamenti di Adriano, Fabio e Nicola Riva sono stati respinti dal Gip di Milano Maria Vicidomini non solo perchè le pene proposte sono state considerate troppo basse ma anche perchè per il giudice la somma di 1,33 miliardi che la famiglia Riva ha accettato di far rientrare in Italia, da destinare a progetti di risanamento e riqualificazione dell’Ilva di Taranto, è considerata a sua volta non congrua, ovvero troppo bassa.

Il giudice per le indagini preliminari ha dunque ritenuto troppo basse le pene concordate con la procura e cioè 2 e mezzo per Adriano, tra i 4 e i 5 anni (in continuazione con una condanna già definitiva) per Fabio e circa 2 anni per Nicola.



Commenta