Condividi

Hera ammessa al Leading Utilities of the World

Hera è la prima realtà italiana a ottenere questo riconoscimento – L’ingresso è avvenuto nell’ambito del Global Water Summit 2018, terminato ieri a Parigi.

Hera ammessa al Leading Utilities of the World

Il Gruppo Hera – secondo operatore nazionale dell’idrico con 300 milioni di metri cubi di acqua venduta e 3,6 milioni di cittadini serviti – è entrato a far parte del Leading Utilities of the World (LUOW), network che racchiude le società del settore idrico e fognario più innovative e di successo con l’intento di promuovere la condivisione di conoscenze, progettualità e nuovi traguardi, oltre a favorire la collaborazione. Lo comunica la multiutility attraverso una nota. L’ingresso è avvenuto nell’ambito del Global Water Summit 2018, terminato ieri a Parigi.

Hera è la prima realtà italiana a ottenere questo riconoscimento e la ventottesima azienda ammessa dopo aver superato un’attenta selezione prima di poter accedere al prestigioso network.



Come spiega la stessa azienda, “per entrare a far parte del LUOW, il Gruppo Hera ha superato le quattro fasi di cui si compone la selezione. La società è stata chiamata a fornire ampia documentazione attestante l’impegno e il contributo innovativo offerto alla gestione delle attività dell’idrico e fognarie e a seguito di un’ulteriore fase di confronto con la commissione giudicante, che si è svolto in Francia in questi giorni, è diventata la ventottesima azienda aggregata al network”.

Il settore idrico rappresenta l’ambito nel quale, da sempre, Hera concentra la maggior parte dei propri investimenti, oltre 110 milioni all’anno – in media – negli ultimi cinque anni, grazie ai quali la società bolognese conta su oltre 53mila km di rete e 900 impianti suddivisi tra produzione, potabilizzazione e depurazione.

Il gruppo, che attualmente effettua già oltre 2 mila analisi al giorno sull’acqua distribuita, d’intesa con l’Istituto Superiore di Sanità, ha avviato i Water Safety Plans, protocolli europei di controllo dell’intera filiera di produzione/distribuzione.

Si ricorda che qualche mese fa Hera aveva annunciato l’adesione al CEO Water Mandate, iniziativa del Global Compact delle Nazioni Unite promossa per rilanciare l’impegno delle aziende nella gestione sostenibile dell’acqua.

Commenta