Condividi

Grecia, mercoledì l’Eurogruppo decide sugli aiuti

Senza la nuova tranche d’aiuti da 31,5 miliardi, le casse elleniche rimarranno a corto di liquidità entro fine novembre – Allo studio anche la possibilità di concedere all’esecutivo di Antonis Samaras una proroga di due anni (dal 2014 al 2016) sul termine entro il quale portare a termine le riforme strutturali e ripianare il deficit.

Grecia, mercoledì l’Eurogruppo decide sugli aiuti

I ministri delle Finanze dell’Eurozona si riuniranno in teleconferenza mercoledì 31 ottobre per discutere dei prossimi aiuti alla Grecia, alla luce dei negoziati fra il governo di Atene e la Troika (Bce, Fmi e Ue). Lo ha annunciato Simon O’Connor, il portavoce del commissario agli Affari economici e monetari Olli Rehn.

Senza la nuova tranche d’aiuti da 31,5 miliardi, le casse elleniche rimarranno a corto di liquidità entro fine novembre. 



Allo studio anche la possibilità di concedere all’esecutivo di Antonis Samaras una proroga di due anni (dal 2014 al 2016) sul termine entro il quale portare a termine le riforme strutturali e ripianare il deficit.

Lo slittamento dovrebbe costare tra i 20 e i 30 miliardi di euro aggiuntivi: un rincaro che potrebbe creare problemi in sede internazionale, malgrado la portata dell’incremento “non sia drammatica”, stando ad alcune fonti europee citate dall’agenzia France Presse. 

Sembra invece esclusa una nuova ristrutturazione dei titoli di Stato greci, anche se il debito pubblico ellenico continua a destare preoccupazione: sembra infatti fuori portata l’obiettivo di riduzione al 120% del Pil entro il 2020, soglia da cui il Fono monetario internazionale non intende arretrare.

Commenta