Condividi

Google cresce, ma meno delle attese

Al netto di voci straordinarie, gli utili per azione sono stati di 6,35 dollari, in aumento dai 5,63 dell’anno precedente ma sotto il consensus di 6,53 dollari – Rallenta la salita dei click sulle pubblicità.

Google cresce, ma meno delle attese

Google cresce ma chiude il terzo trimestre sotto le stime e cede oltre il 3% a Wall Street nell’after-hours. Il colosso di Mountain View ha fatto sapere che gli utili fra giugno e settembre si sono attestati a quota 2,8 miliardi di dollari, pari a 4,09 dollari per azione, in calo del 5% su anno. Al netto di voci straordinarie, gli utili per azione sono stati di 6,35 dollari, in aumento dai 5,63 dell’anno precedente ma sotto il consensus di 6,53 dollari.

Quanto ai ricavi, sono cresciuti del 20% su anno, a 16,52 miliardi di dollari, contro attese per 16,57 miliardi. Le spese operative hanno raggiunto i 6,1 miliardi, il 37% dei ricavi, dai 4,58 miliardi del terzo trimestre 2013, il 33% dei ricavi.



Ma a deludere gli analisti è stato soprattutto il rallentamento dei click sulle pubblicità, aumentati del 17% su base annua, contro il +26 e +25% dei primi due trimestri. Sempre fra giugno e settembre, Google ha messo a segno nove acquisizioni e ha assunto circa 3mila dipendenti, arrivando a quota 55.030 impiegati. 

Intanto, ieri Google ha nominato Omid Kordestani nuovo chief business officer, sostituendo Nikesh Arora, che è stato assunto dalla giapponese Softbank Corp.

Commenta