Condividi

Giallo per Google: il marchio Alphabet è di proprietà di Bmw

Il colosso informatico americano, che si è riorganizzato con la creazione della holding “Alphabet”, incassa lo stop di Bmw, che protesta: “Quel marchio è nostro”.

Giallo per Google: il marchio Alphabet è di proprietà di Bmw

Quella che sembrava una semplice ma importante riorganizzazione industriale in casa Google rischia di diventare il caso dell’estate. Poco dopo l’annuncio di Big G della nascita di Alphabet, la holding che conterrà al suo interno Google e che servirà per differenziare le attività relative al web dalle divisioni di ricerca e investimento, è arrivata una reazione che non era stata prevista.

Non si tratta di Facebook o Microsoft e nemmeno di Yahoo oppure ancora di Apple, bensì di Bmw. La casa automobilistica tedesca ha mostrato la paletta dello stop a Google perchè proprieteria in esclusiva del marchio Alphabet, lo stesso lanciato in pompa magna lunedì sera da Google.



Evidentemente dalle parti di Mountain View non sapevano dell’esistenza del marchio nel Vecchio Continente. La Alphabet Fuhrparkmanagement è la ragione sociale di una filiale di Bmw che si occupa di servizi di leasing di lunga durata per privati e imprese, e di car sharing. Dalla Germania si sono affrettati a dichiarare che ‘Alphabet’ è un marchio di proprietà di Bmw e che il colosso tedesco dell’auto non ha nessuna intenzione di cederlo a Google.

La storia è tutt’altro che facile da risolvere e potrebbe presto aprirsi un duello fra le due società che nell’ultimo periodo sono entrate in competizione fra loro nel settore delle auto elettriche, che Google sta studiando in maniera approfondita, e per quanto riguarda la fornitura delle mappe visto che da poco Bmw, con Daimler e Audi, ha da poco acquistato il servizio di cartografia di Nokia, Here, uno dei rivali del celebre Google Maps.

Commenta