Condividi

Finanza responsabile, ecco i fondi più virtuosi

Assegnati i premi ai cinque migliori fondi distribuiti in Italia nel campo della finanza responsabile. Ecco i vincitori: Candriam, Degroof Petercam, Etica sgr, Mirova e Raiffeisen. I premi sono stati assegnati al termine del Salone dello SRI 2017, organizzato da ETicaNews con Forum per la finanza sostenibile, Anasf ed Efpa

Finanza responsabile, ecco i fondi più virtuosi

In occasione del Salone dello Sri, evento dedicato ai fondi Socially responsible investing, sono stati assegnati i primi Sri Awards italiani a cinque categorie di fondi distribuiti in Italia. Il premio riconosce il massimo livello raggiunto dal prodotto per combinazione dei parametri di responsabilità e di performance.

Sono state definite cinque categorie di fondi, e per ognuna è stato indicato il miglior fondo:

– Categoria “obbligazioni corporate”: Candriam Sustainable Euro Corporate Bonds
– Categoria “Obbligazioni governative”: DPAM L Bonds Government Sustainable
– Categoria “Azionari: Etica Azionario
– Categoria “Tematici”: Mirova Europe Environmental Equity
– Categoria “Bilanciati e Flessibili”: Raiffeisen Bilanciato Sostenibile

Gli SRI Awards sono assegnati su base quantitativa, attraverso l’applicazione di una matrice di valutazione elaborata da ETicaNews su tre macro aree: i rating Esg, le performance di rischio e di rendimento, la governance del gestore. Le performance sono state elaborate con la piattaforma MoneyMate. I rating Esg sono stati forniti da MSCI. 

Il campione è stato costruito integrando i fondi del database del Forum per la finanza sostenibile al 30 settembre 2016, con gli aggiornamenti segnalati dagli espositori del Salone dello SRI. Su questo paniere, sono poi stati considerati i fondi attivi all’inizio del periodo di valutazione (tre anni).

Il risultato è un universo analizzato di 75 famiglie di fondi, per oltre 160 prodotti. Di questi, 76 rappresentano fondi azionari; 41 fondi i tematici; 11 i flessibili e bilanciati; 26 gli obbligazionati corporate e 14 gli obbligazionari governativi.

Commenta