Condividi

Fca Bank lancia noleggio su Amazon e Mobility Store

Leasys, società controllata da Fca Bank che offre servizi di mobilità a 360 gradi, si occupa già di car sharing p2p ma diventerà a breve un nuovo player del car sharing free floating – Intanto lancia il primo servizio in Italia di noleggio a breve termine su Amazon e i Mobility Store: ecco cosa sono.

Fca Bank lancia noleggio su Amazon e Mobility Store

Nel 2030, oltre un terzo del parco auto (il 35%) italiano sarà condiviso e non più di proprietà, e lo sarà attraverso una ampia gamma di opzioni che già oggi conosciamo come car sharing (utilizzato in Italia da 1 milione di utenti), noleggio (di breve, medio e lungo periodo), ride sharing e altre soluzioni ancora poco conosciute come il peer-to-peer, cioè la condivisione direttamente tra privati. Lo ha capito Leasys, la società del gruppo Fca Bank che offre soluzioni di mobilità a 360 gradi, che ha presentato a Roma i suoi nuovi servizi, basati su due trend: uno è proprio la disownership, l’altro la digitalizzazione. “Entro il 2020 – hanno dichiarato Alberto Grippo, CEO di Leasys e Giacomo Carelli, CEO di Fca Bank – il 50% dei nuovi contratti di Fca Bank e Leasys sarà legato all’utilizzo dei veicoli e non alla proprietà. E sempre entro il 2020 il 100% dei contratti Fca Bank sarà paperless”.

Nei primi mesi del 2019, in Italia, un quarto delle auto noleggiate a lungo termine è immatricolata con Leasys. L’obiettivo è di diventare da qui al 2021 il quarto operatore in Europa nel settore della nuova mobilità, e soprattutto uno dei pochissimi che opera già in tutti i settori: nel noleggio (ora anche a breve termine, con l’acquisizione di WinRental), nel car sharing cittadino (motorizzando la flotta di Enjoy, in partnership con Eni e Fs), e in quello peer-to-peer, con il lancio dell’app U GO. L’asticella ora viene fissata su: allargamento del business in Europa (i mercati presidiati passeranno da 7 a 13); incremento del fatturato (già quasi raddoppiato dal 2016 al 2018) e del parco vetture, dalle attuali 260.000 a quasi mezzo milione tra due anni; rivoluzione elettrica, “con la flotta che nel 2021 sarà costituita al 90% da auto ibride o elettriche, con una riduzione delle emissioni di CO2 del 60% rispetto a quelle attuali”. Come farlo? Attraverso queste novità: i Leasys Mobility Store, l’accordo con Amazon per il noleggio a breve termine e, non è ancora dato sapere quando, il probabilissimo ingresso come nuovo player autonomo nel car sharing cittadino.



Leasys Mobility Store

I Mobility Store sono punti presso i quali i clienti di Leasys possono scoprire, con il supporto di consulenti specializzati, tutte le soluzioni di mobilità che l’azienda propone, adatte ai diversi stili di vita e abitudini di consumo: “da un’ora a una vita intera”. Un luogo fisico dove il cliente può trovare offerte dedicate al noleggio a breve, medio e lungo termine, al car sharing peer to peer, all’acquisto dell’usato, assistenza, mobilità elettrica e servizi finanziari e assicurativi. Cento punti sono già stati aperti sul territorio nazionale, soprattutto nelle grandi città e in prossimità di aeroporti, stazioni e porti, con una flotta di 5.000 vetture per il noleggio a breve/medio e car sharing. Leasys punta ad avere 400 punti fisici con oltre 12.500 vetture in Italia, mentre nel 2021 conta di espandersi in Europa con 1.200 Mobility Store e circa 35.000 veicoli.

Amazon

La risposta di Leasys alla rivoluzione della mobilità passa anche attraverso i principali touchpoint online come Amazon, che già esistono per il noleggio a lungo termine ma che ora vengono lanciati per offrire il servizio di noleggio a breve termine per la prima volta in Italia su Amazon.it. Nei mesi di giugno e luglio, Leasys proporrà al cliente un voucher acquistabile su Amazon per 3 giorni di noleggio a tariffa fissa di 9,99 euro al giorno (totale 29,99 euro) per qualsiasi vettura in flotta, da utilizzare entro il 27.07.2019 (data pick-up) presso tutti i Leasys Mobility Store in Italia. L’iniziativa segue appunto quella del 2016, la prima con Amazon.it dedicata al noleggio a lungo termine in Italia.

Commenta