Condividi

Età pensionabile, come sarà lo scenario post-Covid

Secondo i calcoli dell’Istat, la pandemia ha fatto scendere la speranza di vita nel 2020, ma questo non porterà a una riduzione dell’età pensionabile – Ecco lo schema previsto per i prossimi anni

Età pensionabile, come sarà lo scenario post-Covid

Pensioni e speranza di vita: cosa cambia nei prossimi anni? Secondo il rapporto “Misure del Benessere equo e sostenibile dei territori”, pubblicato il 6 settembre dall’Istat, nel 2020 il Covid ha interrotto la crescita della speranza di vita nel nostro Paese (proseguita fino al 2019), facendo registrare una contrazione pari a 1,2 anni. La media è scesa così a 82 anni (79,7 per gli uomini e 84,4 per le donne). Tuttavia, chi si aspetta di lasciare il lavoro prima del previsto per effetto della pandemia rimarrà deluso: non è così che funziona. Vediamo perché.

LEGGE FORNERO: IL LEGAME FRA SPERANZA DI VITA ED ETÀ PENSIONABILE

In base alla legge Fornero, ogni due anni l’età pensionabile dovrebbe salire di tre mesi per adeguamento all’aspettativa di vita Istat. Il meccanismo ha funzionato senza intoppi fino al 2019, cioè finché la speranza di vita in Italia ha continuato a crescere. Verrebbe da pensare che ora, con la speranza di vita scesa a causa della pandemia, dovrebbe calare anche l’asticella dell’età pensionabile. Invece no.

COSA ACCADRÀ NEI PROSSIMI ANNI

L’unico effetto – secondo i calcoli dell’Inps – sarà quello di bloccare gli aumenti automatici fino al 2024. Per i prossimi tre anni, quindi, il requisito anagrafico continuerà a essere di 67 anni.

Nel 2025, invece, l’età pensionabile tornerà a salire con un incremento di due mesi, che sono comunque meno dei tre ipotizzati nello scenario pre-Covid.

Dal 2027, però, la proporzione si invertirà, portando a quattro aumenti biennali di tre mesi, cioè un mese in più di quanto stimato prima della pandemia.

In ogni caso, visto il blocco degli scatti fino al 2025, da qui al 2033 l’età pensionabile resterà più bassa di quella prevista nello scenario pre-Covid.

Riassumendo, l’età per andare in pensione di vecchiaia dovrebbe avere questa progressione:

  • 67 anni fino a tutto il 2024;
  • 67 anni e 2 mesi nel 2025-2026;
  • 67 anni e 5 mesi nel 2027-2028;
  • 67 anni e 8 mesi nel 2029-2030;
  • 67 anni e 11 mesi nel 2031-2032;
  • 68 anni e 2 mesi nel 2033-2034.

Commenta