Condividi

Erg, conti ok: arrivano newco per il solare e più eolico in Uk e Francia

Il gruppo guidato da Luca Bettonte ha chiuso il primo semestre con un utile netto a 76 milioni e annuncia la costituzione della società per azioni ERG Q Solar1, che dovrebbe avvenire entro il prossimo 30 settembre, compartecipata al 40% dal fondo Quercus – Novità anche dall’estero, dalle controllate in Francia e Regno Unito.

Erg, conti ok: arrivano newco per il solare e più eolico in Uk e Francia
Il Cda di Erg ha approvato al semestrale 2018, che registra un MOL consolidato adjusted a 277 milioni di euro, contro i 258 milioni nel 1° semestre 2017, e un risultato netto di gruppo adjusted pari 76 milioni di euro, in lieve miglioramento rispetto ai 72 milioni nel 1° semestre 2017.Luca Bettonte, Amministratore Delegato di Erg, ha commentato: “Risultati migliori rispetto al 2017 sia nel secondo trimestre che nel semestre. La forte complementarietà delle diverse fonti di energia, l’azione dell’energy management, la crescita nel Solare in Italia e nel Wind in Europa, ci consentono di ottenere risultati in costante crescita. Nel semestre gli effetti negativi derivanti dalla perdita d’incentivi su 145 MW Eolici in Italia tra il 1 Luglio 2017 e il 30 Giugno 2018, i maggiori oneri per sbilanciamenti e la contrazione dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica, sono stati più che compensati dal contributo dei nuovi asset nel Solare in Italia con 90 MW e nell’Eolico all’estero, in particolare in Francia dove supereremo i 300 MW installati entro fine anno. In questi primi sei mesi i prezzi dell’energia elettrica hanno solo parzialmente recepito l’aumento del costo del gas naturale e della CO2, con conseguente contrazione del clean spark spread nel Termoelettrico; al contempo la grande disponibilità idraulica ha consentito al Nucleo di Terni di raggiungere livelli di contribuzione estremamente elevati. Partendo da questi risultati ed alla luce del positivo scenario dei prezzi dell’energia dei prossimi sei mesi, rivediamo al rialzo la guidance di fine anno, con un Margine Operativo Lordo compreso fra i 490 e i 500 milioni di Euro, rispetto alla precedente stima di 475 milioni di Euro. Gli investimenti si attesteranno in un intervallo fra i 520 ed i 540 milioni di Euro, rispetto ai precedenti 500 milioni di Euro, in considerazione dei recenti sviluppi di ERG nel solare con la costituzione di ERG Q Solar1 finalizzata al consolidamento del settore in Italia, oltre che della recente acquisizione di un progetto eolico autorizzato in Scozia per 79 MW. Principalmente per effetto dei maggiori investimenti si prevede a fine anno un indebitamento netto di circa 1.350 milioni di Euro, rispetto ai precedenti 1.300 milioni di Euro.”

Erg ha anche annunciato di aver siglato un’intesa con il fondo europeo focalizzato su investimenti in fonti rinnovabili, per la costituzione della società per azioni ERG Q Solar1 che dovrebbe avvenire entro il prossimo 30 settembre. La NewCo, partecipata al 60% da ERG e al 40% dal comparto Quercus Italian Solar Fund, opererà solo in Italia e sarà focalizzata sull’acquisizione di impianti solari di piccola taglia inferiori ad 1 MW di potenza installata, con un target fino a 150 MW entro la fine del 2021. Il tutto  con l’obiettivo di consolidare il mercato fotovoltaico italiano. Sono previsti investimenti complessivi massimi pari a 350 milioni di euro nei prossimi tre anni, con un ritorno minimo target in termini di equity Internal Rate of Return ‘low double digit’. Ciò grazie anche alla realizzazione di sinergie industriali e finanziarie.

Il Consiglio di amministrazione della società di nuova costituzione sarà composto da 7 membri, di cui 4 nominati da Erg, fra cui il presidente ed il Chief Financial Officer, e 3 indicati da Quercus cui spetterà designare il Chief Executive Officer. Tal organo esecutivo sarà chiamato ad approvare le proposte di investimento sulla base di linee guida precedentemente fissate. Entrambi i soci potranno sciogliere la società in caso di mancato raggiungimento di obiettivi progressivi minimi di MW acquisiti, preventivamente concordati tra le parti. Quercus potrà in ogni caso cedere la propria quota a partire dal 1 aprile 2029, qualora il gruppo genovese non abbia esercitato, a partire dal 1 gennaio 2029 ed entro il 31 marzo 2029, una call option per l’acquisto delle azioni della nuova società detenute da Quercus stessa ad un corrispettivo calcolato tenuto conto dei flussi di cassa netti distribuibili agli azionisti previsti per gli anni successivi. Il fondo europeo focalizzato su investimenti in fonti rinnovabili apporterà il suo know how gestendo le attività di selezione dei potenziali target, e il coordinamento delle attività di negoziazione, mentre Erg contribuirà con le proprie competenze industriali e finanziarie.

Altre novità ci sono pure sul fronte dell’eolico, espandendo la propria attività nel Regno Unito e in Francia. Tramite la propria controllata ERG Eolienne France SAS, il gruppo guidato da Luca Bettonte ha acquistato da Renvico France SAS il 25% del capitale delle società Parc Eolienne de la Voie Sacrée SAS e Parc Eolienne d’Epense SAS, titolari di due parchi eolici della capacità complessiva di 16,25 MW entrati in esercizio rispettivamente nel 2007 e nel 2005, delle quali aveva già acquisito il 75% da Vent d’Est SAS lo scorso marzo (v. CS del 22/03/2018). Il valore complessivo dell’acquisizione corrisponde ad un enterprise value di 12,4 milioni di Euro. Questa operazione associata all’acquisto del parco eolico di Melier (8 MW), alla prevista entrata in esercizio in corso d’anno dei parchi in costruzione di Torfou (18 MW), e di Vallée de l’Aa (13 MW), consentirà ad ERG di incrementare di 55 MW la potenza installata in Francia, portandola a superare i 300 MW entro la fine dell’anno.

In Uk invece, attraverso la propria controllata ERG Power Generation SpA, Erg ha perfezionato l’acquisizione del 100% delle quote della società Creag Riabhach Wind Farm Ltd, società di diritto scozzese titolare delle autorizzazioni per la realizzazione di un parco eolico in Scozia, a nord di Inverness nella contea di Sutherland. Il parco sarà costituito da 22 turbine per una capacità autorizzata di 79,2 MW ed una produzione di energia elettrica stimata, a regime, di circa 250 GWh all’anno, pari a oltre 3.000 ore equivalenti e a circa 147 kt di emissione di CO2 evitata.

L’inizio dei lavori per la realizzazione del parco eolico è previsto nel corso del 2020 e l’entrata in esercizio, a valle della finalizzazione della connessione alla rete nazionale, entro marzo 2022. Il progetto parteciperà ai mercati dell’energia e dei servizi di capacità in essere nel Regno Unito. L’investimento totale stimato per la realizzazione del parco è di circa 89 milioni di sterline (circa 98 milioni di Euro al cambio attuale), già inclusivo del corrispettivo riconosciuto per l’acquisto della partecipazione. Con questa operazione ERG rafforza il percorso di crescita organica all’estero ed in particolare in UK dove la capacità di costruzione secured passa da 84 MW a 163 MW e, grazie anche alle recenti acquisizioni in Francia, innalza la capacità secured riferita alla totalità degli obiettivi di Piano che si incrementa dal 40% al 70% circa. fiIl progetto, in linea con la strategia industriale di

Commenta

Centro preferenza privacy