Condividi

Enel e Cnr firmano un accordo per il rinnovo del settore energetico studiando nuove idee

Hanno firmato oggi un’intesa Enel e Cnr – Il nuovo progetto studierà nella sua totalità il settore energetico: dall’utilizzo intelligente dell’energie, allo sviluppo della rete, fino ad arrivare alle ricerche per migliorare le energie rinnovabili

Enel e Cnr firmano un accordo per il rinnovo del settore energetico studiando nuove idee

Oggi il Direttore Generale ed Amministratore Delegato di Enel, Fulvio Conti, e il Presidente del Consiglio Nazionale delle Ricerche, Luigi Nicolais, hanno siglato un accordo quadro: questo nuovo accordo promuoverà iniziative congiunte nel campo della ricerca e dell’innovazione, e impegnerà entrambi le parti. 

La collaborazione sarà centrata su tematiche di interesse comune al Cnr e ad Enel che riguarderanno l’utilizzo delle fonti primarie, la generazione ela distribuzione dell’energia elettrica fino agli usi finali, al fine di promuovere un corretto uso dell’energia. Sarà dato uno sguardo anche al’individuazione e all’analisi dell’evoluzione della tecnologia, si promuoveranno ricerche e la promozione su territorio della “cultura energetica”.



Verrà poi costituito un Comitato di Gestione, composto da sei membri. Il Comitato avrà il compito di individuare le tematiche di interesse per le ricerche, e le loro linee di attuazione.

Conti, Dg e Ad di Enel ha così spiegato il nuovo progetto: “L’innovazione tecnologica è nel nostro settore un fattore determinante di crescita. Questo accordo consolida il rapporto che già da numerosi anni ci lega al Cnr e fonde ancor di più le nostre comuni esperienze per contribuire ad aumentare il livello tecnologico del Paese e del nostro segmento di business. Enel è da sempre impegnata nello sviluppare prodotti e sistemi innovativi per produrre, distribuire e fornire energia in modo efficiente e sostenibile.  

Questa intesa conferma la centralità per il Gruppo dello studio di soluzioni tecnologicamente avanzate”.
Cnr e Enel collaboreranno sulla ricerca e l’innovazione dei combustibili e sistemi di combustione, le energie rinnovabili, lo sviluppo della mobilità elettrica e il progetto di reti intelligenti.

Commenta