Condividi

Chiesa, Papa: “Basta chiedere soldi per i sacramenti”

Papa Francesco punta il dito verso le richieste di denaro per messe, battesimi e benedizioni: “Ci sono solo due cose che il popolo di Dio non può perdonare: un prete attaccato ai soldi e un prete che maltratta la gente” – “Il Tempio va mantenuto pulito”.

Chiesa, Papa: “Basta chiedere soldi per i sacramenti”

Papa Francesco, citando un brano evangelico, “prende la frusta in mano per purificare il Tempio dagli affaristi”. Basta chiese con la lista dei prezzi per battesimi e benedizioni, basta chiedere soldi per le messe, basta con le chiese in affitto: “Penso allo scandalo che possiamo fare alla gente con il nostro atteggiamento, con le nostre abitudini non sacerdotali nel Tempio: lo scandalo del commercio, lo scandalo delle mondanità. E il popolo si scandalizza”.

Un messaggio chiaro e semplice, quello rilasciato nel corso dell’omelia mattutina dal Papa, secondo cui “la redenzione è (e deve essere) gratuita”, per vitare il peccato ed evitare, soprattutto, l’allontanamento dei fedeli dalla Chiesa. Il Papa ha raccontato anche un aneddoto accadutogli durante la giovinezza, in Argentina, quando una coppia di fidanzati che voleva sposarsi con la messa, secondo quanto raccomandato dal concilio, fu costretta a pagare due turni.



“Noi sappiamo quello che dice Gesù a quelli che sono causa di scandalo: meglio essere buttati nel mare”. E ancora: “non si possono servire due padroni: o rendi il culto a Dio vivente, o rendi il culto ai soldi, al denaro. Ma perché Gesù ce l’ha con il denaro? Perché la redenzione è gratuita; la gratuità di Dio lui viene a portarci, la gratuità totale dell’amore di Dio”, perché il Tempio va mantenuto pulito: “Ci sono due cose che il popolo di Dio non può perdonare: un prete attaccato ai soldi e un prete che maltratta la gente”.

Commenta