Condividi

Buoni pasto, Camst cede 41% Day Ristoservice ai francesi di Cheque Dejeuner

Cheque Dejeuner deteneva già il 49% delle quote e sale così al 90% di Day Ristoservice – Per Marco Minella, segretario generale di Camst, ritiene che “questo accordo sia strategico per lo sviluppo del mercato della ristorazione nel nostro Paese”.

Buoni pasto, Camst cede 41% Day Ristoservice ai francesi di Cheque Dejeuner

Camst, gruppo leader nella ristorazione con un fatturato di 942 milioni di euro e 11mila dipendenti, ha ceduto il 41% del ramo buoni pasto, cioè il 41% della controllata Day ristoservice, ai francesi di Cheque Dejeuner, che detenevano già il 49% delle quote e salgono così al 90%.  

“Day ristoservice – spiega una nota congiunta delle due aziende – è uno dei primi tre player nel settore dei buoni pasto in Italia con un fatturato nel 2012 di 500 milioni di euro”. L’operazione rientra negli accordi di partnership sottoscritti lo scorso luglio dalle due società. 

Per Marco Minella, segretario generale di Camst, ritiene che “questo accordo sia strategico per lo sviluppo del mercato della ristorazione nel nostro Paese, in cui vogliamo continuare a essere protagonisti. Con questa operazione diamo da un lato continuità a una partnership con un grande gruppo cooperativo, dall’altro riusciamo a capitalizzare ulteriormente l”impresa e a garantirci la capacita di poter compiere nuovi investimenti produttivi”. Questi sono passi “necessari per creare ulteriore sviluppo per il gruppo Camst: il mercato della ristorazione, infatti richiede oggi sempre più specializzazione, ricerca e sviluppo”.

Commenta