Condividi

Borsa in rosso ma l’exploit di Telecom Italia riduce le perdite

Listini azionari contrastati in tutta Europa: Milano cede lo 0,49% – L’high tech di nuovo nella bufera e Stm ne fa le spese – Male anche le banche – Gran balzo di Telecom Italia che guadagna il 3,38% dopo le aperture sulle rete e a Mediaset – Bene anche Yoox e Leonardo.

Borsa in rosso ma l’exploit di Telecom Italia riduce le perdite

Resta negativo l’umore delle Borse europee, dopo l’apertura incerta di Wall Street, su cui pesano le tensioni internazionali e le prese di beneficio sulle banche.

Piazza Affari chiude in calo dello 0,49%, 22.307 con tecnologici, petroliferi e finanziari in ribasso. Scatto d’orgoglio di Telecom, +3,38%, che rialza la testa all’indomani del cda e della conferma delle linee guida del piano strategico 2017-2019. Gli acquisti premiano Ynap, +3,03%, in scia al giudizio positivo di Deutsche Bank emesso ieri.

Deboli Francoforte -0,38% e Madrid -0,27%; piatta Parigi -0,02%. In controtendenza Londra, +0,28%, con la sterlina in leggero calo. Anche l’euro perde quota nei confronti del dollaro e il cross scende sotto la soglia di 1,18. Wall Street, poco intonata in avvio, al momento galleggia, con un mini rimbalzo dei titoli tech. Dal fronte macro: il settore privato a novembre crea più posti di lavoro del previsto, ma i salari non decollano.

Petrolio in rosso, nonostante il dato settimanale sulle scorte Usa migliore delle attese. Brent e Wti perdono circa il 2%. Poco mosso l’oro, attorno a quota 1263 dollari l’oncia. L’attenzione dei mercati resta sulla riforma fiscale Usa, ma si respira un certo nervosismo, in attesa che Donald Trump alle 19, ora italiana, annunci di riconoscere ufficialmente Gerusalemme come capitale di Israele e decida di trasferire l’ambasciata, da Tel Aviv alla città santa per le tre religioni monoteiste.

Tornando in Piazza Affari: Telecom, che ieri sera ha ribadito l‘impegno a valutare la separazione della rete e ha parlato di acquisto dei diritti sulle partite di calcio di Champions League e campionato di serie A, è la reginetta del Ftse Mib, Bene la moda con Ynap e Ferragamo +0,92%. Top five per Campari +0,92% e Prysmian, +0,93%, che recupera un po’ del terreno perduto nelle ultime due sedute.

In fondo al paniere: Stm, -3,73%, piuttosto innervosita dal rischio che il cliente Apple produca in casa quanto le serve. Buzzi cede l‘1,84%. Negativi i titoli finanziari: Banca Generali -1,83%; Banco Bpm -1,75%. L’oro nero affossa ancora Tenaris -1,67%.

Fuori dal listino principale, l’AS Roma lascia sul campo il 17,46% e subisce anche una sospensione in asta di liquidità. Lo scivolone avviene dopo il boom, +68%, nelle sette sedute precedenti. Un apprezzamento dovuto in parte ai segnali positivi arrivati dalla conferenza dei servizi sulla costruzione del nuovo stadio. Ora che c’è il via libera ufficiale, con prescrizioni e necessità di passare dalla variante urbanistica da parte del Comune. L’appeal speculativo si fa così meno forte.

Dal mondo Ipo: Liu Jo, il gruppo di abbigliamento di Carpi, punta a quotarsi a Piazza Affari nei prossimi 18-24 mesi. Infine sul secondario, il Btp 10 anni chiude una seduta debole, con il rendimento che torna all‘1,73% e lo spread con il Bund che cresce del 3,2%, a 142.00 punti base.

Grandi manovre intanto a livello europeo per la gestione economica dell’area delle moneta unica. La Commissione europea ha presentato delle proposte per rafforzare l’assetto dell’unione: entro il 2019 si dovrebbe creare un bilancio della zona euro e dotare l’UE di un Fondo monetario europeo, creando successivamente un ministro dell’Economia e delle Finanze della moneta unica.

One thought on “Borsa in rosso ma l’exploit di Telecom Italia riduce le perdite

  1. Quanto è piacevole leggervi. Sia per la pulizia grafica e strutturale del sito, sia per la pulizia del linguaggio di chi scrive gli articoli. Continuate così. Vi leggo dalla Germania.

    Reply

Commenta